Il Sindaco di Modica Abbate “cede” il proprio spazio agli altri candidati

8
3227

Ho appreso dai social network che gli altri tre candidati alla carica di Sindaco alle prossime Amministrative, con encomiabile spirito di collaborazione, hanno organizzato l’ennesimo confronto pubblico per sabato 2 giugno in Piazza Matteotti. Tralasciando il fatto che non ho mai ricevuto un invito ufficiale dagli organizzatori di questo evento, mi vedo costretto a declinare questo “invito social”. Negli ultimi sette giorni ho già partecipato con piacere a ben tre momenti pubblici alla presenza degli altri candidati (Ordine degli Architetti, Consulta Femminile e Società Carlo Papa), ritengo perciò superfluo farne ancora un altro. Per parteciparvi dovrei anche annullare i tanti incontri che abbiamo previsto, insieme al resto della nostra squadra, per quella sera. Non mi pare giusto nei confronti di quanti si sono spesi per organizzare questi momenti di confronto con i cittadini. Per tali ragioni mi vedo costretto, qualora arrivasse un invito “ufficiale” ad un confronto, a non potervi prendere parte. Però, se gli organizzatori ne avessero bisogno, siamo disponibili a cedere al pubblico confronto anche i nostri spazi riservati per i comizi elettorali di sabato, in modo da poter favorire un dibattito ancora più articolato.
Colgo l’occasione per invitare tutti coloro che ne hanno piacere, a partecipare invece domenica 3 giugno alle 21:30 (così come stabilito in commissione elettorale) al nostro incontro/comizio in Piazza Matteotti. Sarà l’occasione per fare il punto della situazione su questa campagna elettorale ad una settimana dalle votazioni.

8 Commenti

  1. (Cinque anni fa era successa la stessa cosa). Che signore, perché cimentarsi in un dibattito democratico in cui non si troverebbe a disagio? Meglio lasciare spazio agli altri tre candidati e mandare degli scagniozzi con carta e penna che annotano chi ha la faccia tosta di recarsi in piazza e ascoltare gli avversari.

  2. Caro Giovanni, allora speriamo vada come cinque anni fà!
    Ma veramente ancora la buttate sulla democrazia, e altre cose del genere; oppure è normale che sull’ evento su Fb che l’ hanno deciso gli altri 3 candidati che si deve fare il dibattito in Piazza? e poi solo dopo hanno invitato il giornalista Di Natale a moderare? cosè un tutti contro uno?
    Gli incontri ci sono già stati, almeno 3 volte, in Piazza si fanno i comizi o come cinque anni fà uno scontro fra Candidati alla pari organizzato dal giornale IL CLANDESTINO che si comportò con equità e sopra le parti.

  3. Abbate proponga un dibattito organizzato da “il clandestino” se Di Natale è un noto fazioso sovversivo. Posso capire che preferisca parlare alle “sue” riunioni dove nessuno osa contraddirlo ma la Democrazia, per fortuna, è altra cosa.

  4. Quanti e quali altri impegni sono previsti per quella sera da parte della coalizione del sindaco uscente? Mi piacerebbe esserne a conoscenza e perché no prenderne parte.
    Cosa c’è di meglio di un confronto tra tutti i candidati?
    Forse il sindaco Abbate deve inaugurare qualche strada su cui abita qualcuno che ha particolari interessi o qualche rotonda, o peggio ancora teme un confronto diretto con gli altri candidati?

    PS. Via Risorgimento non è, come lui l’ha definita, un “regalo per i residenti”, bensì un diritto di tutti i cittadini, sicuramente da realizzare prima del periodo di campagna elettorale.

  5. Che vergogna! E i modicani dovrebbero votare chi sfugge ad un pubblico e democratico dibattito? Ma per carità, che se ne ritorni a casa sua!

  6. Visto la mancanza dell’ordinanza per la chiusura del Corso il giorno 3 giugno sul sito del Comune e anche sul sito della Polizia, dovremmo capire che il Sindaco sia per chiudere il Corso domenica sera per la sua manifestazione?

  7. Caro Gigi lei ha una buona memoria, che ha il difetto però di essere “selettiva” come del resto quella del sindaco Abbate. Il giornale il clandestino 5 anni fa era l’unico che scriveva sopra le parti e subito dopo l’insediamento di Abbate guarda caso è sparito e i suoi giornalisti traghettati in altri giornali. E il risultato è questo, un’informazione sempre dalla stessa parte. E lo vediamo tutt’ora con articoli che sembrano veri e propri manifesti elettorali e giornalisti che presentano l’apertura della campagna elettorale alla villa real. E chiedo scusa se l’ho buttata sulla democrazia, questa ormai obsoleta virtù sconosciuta ai più.

    E spero che vada come cinque anni fa e che si vada almeno al ballottaggio. Modica riaprirà gli occhi, magari non lo farà oggi, ma sono sicuro succederà nel domani.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

1 × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.