Omicidio Loris. Arringa della difesa nel processo di 2° grado contro Veronica Panarello: “E’ bugiarda ma non colpevole”

0
977

Il difensore di Veronica Panarello, condannata in primo grado a 30 anni per l’omicidio del piccolo Loris a Santa Croce Camerina, chiederà una nuova perizia psichiatrica. Lo ha annunciato lo stesso avvocato Francesco Villardita, nel corso dell’udienza di oggi davanti alla Corte d’Assise d’Appello di Catania, dove ha tenuto la sua arringa. “La mi assistita – ha detto – sarà forse bugiarda ma non è colpevole. Il sillogismo secondo cui “tutti sono bugiardi” e colpevoli e dunque Veronica è bugiarda e dunque colpevole non è valido perché non è valida la premessa. Io posso mentire per diverse motivazioni ma bisogna capire se ho mentito perché non ho avuto la forza di dire il vero oppure per altre motivazioni, come per esempio il fatto di avere dimenticato».
Il legale ha aggiunto: «Necessita che la dichiarazione finale di Veronica sia riscontrata o sia riscontrabile». L’avvocato della donna ha anche detto che chiederà una nuova perizia psichiatrica, concludendo: «Veronica Panarello sta offrendo movente, arma del delitto, e una criminodinamica assolutamente logica e credibile, ma questi elementi devono essere verificati e noi li abbiamo verificati». Il processo è stato aggiornato al prossimo 6 giugno per il proseguimento dell’arringa difensiva.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

dieci + 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.