Con i Bambini Impresa Sociale, finanziamento anche per il Comune di Scicli

0
533

E’ stato finanziato per un importo di 460 650 euro il progetto Costruiamo il Futuro, di cui il Comune di Scicli è partner, nell’ambito degli interventi sui minori e contro la dispersione scolastica.
A darne l’annuncio il sindaco di Scicli Giannone e l’assessore Caterina Riccotti, che in questi mesi insieme all’assessorato ai servizi sociali del Comune hanno partecipato a creare una rete regionale del privato sociale rispetto al progetto cui partecipa anche il Centro Diurno Minori in difficoltà.
Sono 86 i progetti approvati da Con i Bambini attraverso il Bando Adolescenza (11-17 anni), a fronte di 800 domande pervenute. L’obiettivo del Bando Adolescenza, rivolto alle organizzazioni del Terzo settore e al mondo della scuola, è promuovere e stimolare la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di dispersione e abbandono scolastici di adolescenti nella fascia di età compresa tra 11 e 17 anni.
Il Comune di Scicli è partner del progetto finanziato su valenza regionale, insieme ad altri Enti del Terzo Settore, Scuole ed Enti locali.
La giunta Giannone si è fatta parte attiva per costituire una rete tra le scuole del Comune e Associazioni che si occupano di minori con disagio.
L’obiettivo del Bando Adolescenza, rivolto alle organizzazioni del Terzo settore e al mondo della scuola, è promuovere e stimolare la prevenzione e il contrasto dei fenomeni di dispersione e abbandono scolastici di adolescenti nella fascia di età compresa tra 11 e 17 anni. Di grande rilievo sarà il contributo offerto dalle “comunità educanti” dei territori, ovvero coloro che a diverso titolo si rivolgono agli adolescenti (scuole, famiglie, associazioni e organizzazioni non profit, fondazioni, enti territoriali, gli stessi ragazzi). I progetti dovranno, da un lato, promuovere percorsi formativi individualizzati, complementari a quelli tradizionali, dall’altro coinvolgere anche i gruppi classe di riferimento e prevedere azioni congiunte “dentro e fuori la scuola”, che affianchino all’attività ordinaria delle istituzioni scolastiche l’azione della comunità educante, favorendo il riavvicinamento dei giovani che hanno abbandonato gli studi o che presentano forti rischi di dispersione. Ovvero, mettere in sinergia attività scolastiche, extra-scolastiche e tempo libero per sviluppare e rafforzare competenze sociali, relazionali, sportive, artistico-ricreative, scientifico-tecnologiche, economiche e di cittadinanza attiva, a contrastare lo sviluppo di dipendenze e del fenomeno del bullismo.
Nei giorni scorsi, 15 coppie di genitori stranieri e italiani di Scicli sono stati denunciati dai carabinieri per l’evasione dall’obbligo scolastico dei figli. Tema, quello della dispersione scolastica, quanto mai attuale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

otto − sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.