Cantieri di servizio, Ragusa partecipa al bando della Regione grazie alla segnalazione del consigliere Morando

La Regione ha stanziato 20 milioni di euro per la creazione di cantieri di servizio e 50 milioni per cantieri di lavoro. Il termine per la scadenza della presentazione della manifestazione di interesse da parte dei Comuni è stato fissato al 15 marzo. In Aula, il consigliere comunale del Movimento Civico Ibleo Ragusa, Gianluca Morando, ha sottolineato di essersi informato tra i vari dirigenti dell’ente di palazzo dell’Aquila per verificare a che punto fosse arrivato l’iter procedurale. “Mercoledì scorso – dice – ho fatto un giro di telefonate. Ma nessuno ne sapeva niente. In pratica, tutti cadevano dalle nuvole. Era ovvio che a questo punto potevo decidere due cose: aspettare il 16 marzo per poi sfruttare politicamente la cosa evidenziando l’incapacità di questa amministrazione oppure, per il bene di Ragusa e dei ragusani, portare a conoscenza la Giunta municipale di questa opportunità offerta dalla Regione. E’ chiaro, naturalmente, che ho preferito la seconda opzione. E così, durante una delle ultime sedute del civico consesso, ho reso nota la questione. Già il giorno dopo, l’amministrazione comunale ha comunicato alla città che parteciperà al bando per i cantieri di servizio. E i cantieri di lavoro? Sono cinquanta milioni di stanziamento e ad oggi non si sa ancora se Ragusa parteciperà. Ecco perché inoltro a palazzo dell’Aquila, e in particolare all’amministrazione comunale, una ulteriore sollecitazione a non perdere questa occasione”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI