Infrastrutture, al meeting di Forza Italia l’ass. Falcone ha parlato della Rosolini-Modica e della Ragusa-Catania

Dai messaggi di speranza alla nascita del Governo Musumeci si passa ai fatti. E’ la percezione netta che hanno avuto i ragusani al meeting di Forza Italia tenutosi lunedì e organizzato dal commissario provinciale, Giovanni Mauro. Presenti gli assessori regionali Marco Falcone (Infrastrutture) Bernadette Grasso (Autonomie locali) e Edy Bandiera (Agricoltura), si è fatto il punto sui primi mesi del nuovo Governo in Sicilia e si è sottolineata l’importanza del voto del 4 marzo, perché solo creando un filo diretto tra Roma e Palermo si può sperare sull’effettiva possibilità di rilanciare questa terra, la Sicilia, l’Italia, come ha chiaramente detto Stefania Prestigiacomo nel suo intervento.
Centrale il tema delle infrastrutture: nel suo intervento, l’assessore Falcone ha parlato delle due opere lungamente attese da questa parte della Sicilia: la Rosolini-Modica e il raddoppio della Ragusa-Catania.
“Due opere strategiche, fondamentali e non solo per il sud est siciliano – ha dichiarato Falcone – sulla realizzazione della Rosolini-Modica ha pesato la situazione finanziaria delle ditte subappaltatrici, che sono fortemente indebitate e perciò a rischio di fallimento. Una situazione, come molti sanno, determinata dai crediti che non riescono a riscuotere. Per questo – assicura Falcone – da mercoledì inizieremo a pagare le ditte fornitrici e subappaltatrici che rappresentano la vera economia di questo territorio. Non solo, abbiamo infatti già diffidato la ditta affidataria dell’appalto perché riprenda i lavori entro 15 giorni, pena la risoluzione del contratto. Risoluzione che implicherebbe per la stessa un risarcimento alla Regione Siciliana e al Consorzio Autostrade Siciliane che abbiamo già calcolato per un ammontare di oltre 50milioni di euro”.
“Ben altra storia – ha spiegato Falcone – riguarda il raddoppio della Ragusa-Catania, sulla quale non arretreremo di un passo. Dovete sapere che mentre a Napoli, pochi giorni fa, il ministro Delrio annunciava che da lì a breve il progetto sarebbe arrivato al Cipe, a Roma, Del Verme, ragioniere generale e cognata del premier Gentiloni, rallentava, ancora una volta, l’iter procedurale dell’opera, rimandando l’itera pratica al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Per questo, il prossimo 2 marzo, noi saremo a Roma, non tollereremo ulteriori ritardi su opere così importanti. Questo significa farsi carico delle istanze del territorio. Per questo saremo a Roma e porteremo a casa il risultato”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI