Cerca
Close this search box.

Basket. Virtus Ragusa perde gara1

Tempo di lettura: 2 minuti

Gara-1

IL TABELLINO

Infodrive Capo d’Orlando-Virtus Ragusa 67-60 d1ts

Infodrive Capo d’Orlando: Agbortabi 4, Moltrasio 4, Mentonelli ne, Mascherpa 6, Favali 10, Palermo 13, Jasaitis 13, Marini 8, Caridà 5, Gatti 4. All.: Bolignano

Virtus Ragusa: Brown 15, Piscetta, Epifani 4, Cioppa 3, Simon 5, Tumino ne, Vavoli 11, Sorrentino 6, Gaetano 9, Mirabella ne, Calvi ne, Ianelli 7. All.: Recupido

Arbitri: Santonastaso di Maddaloni e Del Gaudio di Massa di Somma

Parziali: 7-23; 26-34; 43-47; 59-59.

Dopo una partita quasi sempre in controllo, scivola dalle mani di Ragusa nel finale dei regolamentari. La Virtus non trova più la via del canestro e l’Orlandina, riemersa dal -10, trova la vittoria grazie a una maggiore precisione ai liberi: finisce 67-60 al supplementare, dopo un pomeriggio dannato e in parte sfortunato, che consegna il primo atto della finalissima ai ragazzi di Bolignano. Decisivi i canestri di Jasaitis e Palermo. Alla Virtus non bastano i 15 punti di Brown e gli 11 di Vavoli. Mercoledì, però, è già tempo di gara-2 al PalaPadua.

Avvio in grande stile della Virtus: nei primi cinque minuti concede appena due punti a Capo d’Orlando, che ha le mani freddissime dalla distanza. Ragusa attacca con convinzione, Cioppa segna la prima tripla allo scadere dei 24”, Gaetano e Vavoli rifiniscono vicino al ferro (e sono presentissimi a rimbalzo). L’ingresso in campo di Sorrentino, assente da un mese, corrisponde a un’opera d’arte difensiva – lo sfondamento subito da Mascherpa – e a due canestri fenomenali da tre punti. La penetrazione di Simon sul lato mancino vale il massimo vantaggio alla fine del primo quarto: 7-23. La Virtus vola fino al +18 con la tripla di Vavoli, inarrestabile. Jasaitis s’iscrive alla partita e Capo d’Orlando comincia ad entrare in area con più insistenza: 6-0 di parziale. A chiuderlo ci pensa Brown: canestro più fallo per il 16-31 ospite. La pressione difensiva della Infodrive manda in confusione la Virtus che perde il filo ed è costretta a forzare delle soluzioni allo scadere dell’azione. Dall’altra parte si mette in moto Favali, che regala ai padroni di casa la singola cifra di svantaggio: al 20’ guida Ragusa ma di appena otto lunghezze (26-34).

La Virtus si addentra con buon piglio nel terzo quarto, ma i cinque punti consecutivi di Brown, che valgono il nuovo +11, non bastano ad allontanare la minaccia. Il terzo fallo di Gaetano limita le soluzioni offensive di Ragusa, Jasaitis e Palermo segnano dal perimetro e la partita è completamente riaperta: 36-39 al 27’. Epifani e Ianelli (che approfitta di un antisportivo a Marini per segnare quattro punti di fila) consentono agli ospiti di mantenere la testa, anche se Favali, già in doppia cifra, ricuce sul 43-47 (al 30’). Agbortabi affonda le mani nel canestro per il -2, poi diventa una serata di passione. La Virtus respinge l’assalto di Capo con una tripla di Ianelli e con un’altra di Simon, che rimarrà per tanti minuti l’ultimo canestro dal campo: 47-55. La Infodrive si porta a due possessi di distanza, ma non riesce a riavvicinarsi, complice la tenuta difensiva dei ragusani. Gaetano resta sul parquet nonostante i 4 falli a carico Si sprecano le palle perse e la tensione è alle stelle. Vavoli sblocca la partita con il goal del 49-57 a poco più di tre minuti dalla fine. Ne passano altri due, o quasi, per il canestro di Gaetano: +10 Virtus. Sembra fatta ma non lo è. Palermo segna da tre punti, ma è l’antisportivo a Brown a risultare oltremodo dannoso: Caridà fa 2/2 ai liberi e Jasaitis mette la tripla sul possesso successivo: 57-59. Ragusa spreca in attacco e Marini impatta clamorosamente a 14” dalla conclusione. L’ultima tripla di Brown non vede il ferro.

Il primo vantaggio della serata di Capo d’Orlando arriva a 3’45” dalla fine del supplementare e porta la firma di Palermo. La Virtus smarrisce la via del canestro: al termine dell’overtime avrà segnato un solo punto, ma sbaglierà così tanti tiri liberi da non riuscire a rimanere agganciata. Il tecnico a Recupido scrive la parola fine su una gara maledetta: Orlandina in vantaggio 1-0 nella serie, appuntamento mercoledì al PalaPadua per gara-2.

“E’ stata una gran partita per quasi 39’ – dice coach Recupido – purtroppo nell’ultimo minuto e mezzo abbiamo fatto due gestioni scriteriate sia in attacco che in difesa, commettendo degli errori che non si vedevano dalla prima di campionato. Dispiace perché eravamo stati bravi a portare la partita dove volevamo, purtroppo non è andata bene. Comunque – analizza Recupido – abbiamo dimostrato di potercela giocare in casa loro, con una grande preparazione tattica e un’ottima abnegazione fisica e mentale. Ora speriamo di vincere gara-2 e tornare a giocarcela qui domenica prossima”.

 

 

 

537990
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top