Cerca
Close this search box.

Omicidio Dezio a Vittoria. Sentenza riformata in Appello

Tempo di lettura: 2 minuti

La Corte di Assise di Appello di Catania (presidente Elisabetta Messina) ha modificato la sentenza di primo grado nel processo per l’omicidio di Giuseppe Dezio,  64 anni, avvenuto a Vittoria il 2 febbraio 2016, ucciso con una coltellata alla gola. La Corte etnea, infatti, ha assolto un  imputato, Alessandro Pepi, e confermando la pronuncia di responsabilità, con riduzione della pena da 18 anni a 14 anni, nei confronti di Antonello Pepi. All’epoca dei fatti erano stati arrestati il padre, Gaetano Pepi, 76 anni, e i  tre figli, Antonello 46 anni, Alessandro, 43, e Marco, 31, tutti difesi dall’avvocato Giuseppe Lipera. Con sentenza di primo grado la Corte di Assise di Siracusa aveva assolto Gaetano Pepi che si era dichiarato colpevole (anche se per legittima difesa) e Marco Pepi, mentre erano stati  condannati Antonello e Alessandro Pepi, che, a differenza del padre, si sono sempre protestati innocenti.

537016
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top