Cerca
Close this search box.

Oceana: eliminare la pesca a strascico in tutte le aree marine

Tempo di lettura: 2 minuti

È già passato un anno da quando la Commissione europea ha lanciato il Piano d’azione per l’ambiente marino, che invita i paesi a eliminare gradualmente la pesca a strascico in tutte le aree marine protette dell’UE entro il 2030. Nel frattempo, la pesca a strascico continua a distruggere la biodiversità marina nelle cosiddette aree “protette”. aree, trasformandole in #PaperParks. La pesca a strascico danneggia gravemente gli habitat marini e di conseguenza la fauna selvatica che vive e si nutre in essi, comprese le specie ittiche commerciali. Per il bene dell’oceano e per la sostenibilità a lungo termine delle comunità di pescatori, tutto questo, lo ribadiamo, deve finire!

Oceana deplora i voti chiave del Parlamento europeo sulla politica comune della pesca e sul piano d’azione per l’ambiente marino, che rivelano una preoccupante tendenza a ignorare la scienza a favore di vantaggi economici a breve termine per la pesca industriale. Considerando che queste sono tra le ultime decisioni sulle questioni relative agli oceani prima delle elezioni europee, il risultato è una pessima eredità di questo Parlamento nel fermare la perdita di biodiversità marina in Europa e garantire un futuro prospero alle comunità costiere. Ciò è in contrasto con il voto del Parlamento volto a rafforzare i controlli sulle importazioni e creare registri trasparenti per combattere la pesca illegale.

“I voti di oggi sulla politica comune della pesca e sul piano d’azione per l’ambiente marino dimostrano che il Parlamento europeo non è all’altezza delle affermazioni dell’UE di essere un ‘campione degli oceani’ internazionale”, ha affermato Vera Coelho, vicepresidente aggiunto di Oceana in Europa. “Sul Piano d’azione per l’ambiente marino, il Parlamento sta facendo marcia indietro rispetto alle sue posizioni precedenti, che chiedevano di affrontare gli impatti della pesca distruttiva come la pesca a strascico, e sta contraddicendo gli standard internazionali sulle aree marine protette. La Commissione europea deve sostenere il piano d’azione e intensificare l’applicazione delle leggi dell’UE laddove gli Stati membri non le rispettano per raggiungere gli obiettivi della strategia UE 2030 sulla biodiversità”.

Oceana/gr member

529600
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top