Cerca
Close this search box.

Sovrappasso del Passaporto a Comiso rimarrà così ancora a lungo

Il capogruppo del Pd Gigi Bellassai: “L’Amministrazione comunale ha ammesso di non avere né progetti né finanziamenti”
Tempo di lettura: 2 minuti

“Ad un anno dall’alluvione del febbraio 2023, che ha distrutto il sovrappasso del Passaporto che attraversa il fiume Ippari, tutto risulta ancora essere in un grave stato degrado, con la viabilità interrotta che spacca in due la città e con i conseguenti significativi disagi per gli operatori agricoli e i residenti”. Lo sottolinea il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Gigi Bellassai. Il quale aggiunge: “In aula, alla presenza di numerosi cittadini che gravitano nell’area del Passaporto, i quali manifestavano il loro dissenso, l’Amministrazione comunale, rispondendo all’interrogazione delle opposizioni, per voce dell’assessore comunale ai Lavori pubblici Roberto Cassibba, ammette di non avere ancora né un progetto né un finanziamento e dichiara che non potrà fare nulla nell’immediato perché occorrono quasi due milioni di euro per realizzare il ponte. Di fatto, non faranno niente perché esiste dal 2022 una diffida del Genio civile, alla quale questa Giunta non ha ottemperato, lasciando che la natura si sostituisse alla inettitudine amministrativa. Dopo le promesse elettorali, insomma, chi amministra la città non è in grado di dare risposte alla comunità, lasciata in una insostenibile situazione di abbandono nelle manutenzioni e negli interventi di ripristino infrastrutturale”.

528400
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top