Cerca
Close this search box.

“Noi Festival”. Un evento unico da un pulpito scomodo

Tempo di lettura: 2 minuti

C’è molto fermento in seguito alla prima serata svoltasi al Palazzo dello Sport di Roma, nella giornata di ieri, Sabato 4 Novembre. “Noi Festival” è il nome dell’evento che in un solo giorno ha già visto riempiti quasi tutti gli spalti di una struttura che può accogliere fino a ben undicimilacinquecento persone.

Ospite principale della serata è Franklin Graham, Presidente e amministratore delegato (CEO) e della “Billy Graham Association”, un predicatore cristiano che ha dedicato la sua vita a provvedere alle esigenze dei più bisognosi e sofferenti in tutto il mondo. È figlio del più noto predicatore Billy Graham, scomparso da qualche anno, che durante la sua vita ha predicato ad oltre duecentoquindici milioni di persone, secondo stime ufficiali, ponendo al centro di ogni sua predica l’importanza di Gesù Cristo per l’uomo e l’urgenza per quest’ultimo di affidarsi “senza riserve a Dio, senza Il Quale nulla può dare sollievo e salvezza dal peccato che affligge il mondo e che è intrinseco in ogni anima vivente.” Billy è stato consigliere e punto di riferimento per numerosi leader e presidenti americani.

Adesso è il figlio, Franklin, 71 anni, che porta avanti questa chiamata, una missione che non è solo un’eredità testamentaria quanto piuttosto una rinnovata scelta radicale e personale di seguire quel Gesù che, come lui stesso afferma, coerentemente a quanto riportato in ogni Vangelo:”È risorto e vive!”

Franklin è anche Presidente della Samaritan’s Purse, un’organizzazione cristiana e internazionale di soccorso ed evangelizzazione, che viene incontro ai bisogni dei rifugiati e delle vittime di guerre e disastri naturali. In pieno Covid, nel Marzo 2020, è stata la prima a rispondere ad un appello d’aiuto italiano, fornendo assistenza medica nella città di Cremona, in Lombardia, allora epicentro dell’ondata pandemica, innalzando in breve tempo un ospedale da campo, di emergenza, e attivando una squadra di medici e di infermieri; in due mesi sono state soccorse e assistite più di duecento ottanta persone. Azioni lodevoli e di rilievo umanitario rimaste curiosamente (ma non tanto per il sottoscritto) in sordina da parte delle principali emittenti televisive e del mainstream in generale, sempre troppo occupate con le solite tragicommedie da palazzo e affari di corti. Non mi dilungo, anche se…

Mi è parso doveroso dunque onorare quest’uomo e ancor più il messaggio che reca, che ancora risuona nei millenni come un lascito spirituale in una società sempre più “liquida” per citare il sociologo Zygmunt Baumann, che corre a passi rapidi verso un ateismo ed un neoumanesimo esasperati e, in definitiva, a una confusione compulsiva di massa.

Oggi, alle 18, la seconda ed ultima serata con Franklin Graham che, dopo il pregevole riscontro della prima, si ripeterà con un nuovo messaggio è una nuova chiamata all’altare.

Qui il video della prima serata:

https://www.facebook.com/BillyGrahamEvangelisticAssociationItaliano/videos/997732867966238/?mibextid=YxdKMJ

Danilo Maci

521348
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top