Cerca
Close this search box.

Scicli. Recupero e Riabilitazione Funzionale. Oasi nel deserto

Tempo di lettura: 2 minuti

Nel panorama, a volte sconfortante, della Sanità italiana, può accadere al cittadino comune di gioire quando, per vicissitudini poco piacevoli, si imbatte in ambienti ospedalieri efficienti e produttivi, di cui nemmeno ipotizzava l’esistenza.

E’ proprio il caso di esprimere due umilissime parole di elogio e gratitudine sincera per tutta l’equipe di un reparto, medici, infermieri e personale socio – assistenziale,  di cui fino a qualche mese fa sottovalutavo l’importanza nel territorio della Provincia di Ragusa, un reparto che opera nell’ombra, da parecchi anni, veri miracoli, anche in presenza di situazioni disastro sedi disabilità conclamate e con ridotti margini di speranza …mi riferisco al reparto di Riabilitazione dell’Ospedale Busacca di Scicli, diretto dal Dott. Maurizio Floridia.

In questa oasi nel deserto non c’è paziente, più o meno grave, che non ne esca guarito o che non abbia recuperato alla grande le proprie disabilità in tempi ottimali.

Se in qualsiasi contesto svolgere una professione senza amore ed empatia sottrae valore e dignità a ciò che si opera, come non capire che questa affermazione è ancora più pertinente nell’ambito della Sanità pubblica?…, dove medici, pazienti ed operatori stanno sperimentando ogni tipo di disagio per i tagli economici e dove, purtroppo, si mortifica il diritto alla salute proclamato dall’Articolo 32 della nostra Costituzione?

Ecco, malgrado queste difficoltà, quando si crede in qualcosa, si verificano i miracoli. Credo proprio che alla base di tanti successi di tale Centro ci sia una visione, un sogno condiviso … non si spiega altrimenti tanta eccellenza.

Ma cosa in concreto rende particolarmente piacevole la permanenza dei pazienti in questo reparto, e cosa garantisce il loro recupero ottimale? Dapprima credevo che la presenza di Robot ad elevata tecnologia garantisse tali esiti, ma era una risposta troppo riduttiva e poco convincente. Ora sono sempre più convinta che sia soprattutto il clima che si respira. Si percepisce entrando in questo reparto che la disciplina non emargina la cordialità, la competenza non umilia le fragilità…l’umanità e la condivisione. In sinergia tutto coopera, insomma, per realizzare un clima estremamente familiare, positivo e vitale, come pochi. Premetto che, per esperienze pregresse vissute, ho visitato parecchi altri ospedali nella mia vita, così da poter suggerire qualche confronto.

Che l’ambiente influenzi decisivamente lo stato di salute del malato era noto già nella Grecia del V secolo a. C, quando con Ippocrate di CoSsi affermano quei due principi fondamentali che oggi sono alla base della medicina “olistica”: la centralità del paziente e la forza curatrice della natura (NòSONFùSEIS IETROI’… LA VIS MEDICATRIX NATURAE dei latini).

E’ palese a tutti quanto sia difficile  operare con pazienti che dall’oggi al domani perdono pesantemente la loro integrità fisica e psichica, che spesso non accettano le  cure mediche di cui non riescono a capire la motivazione,  perché non ricordano, per ovvi motivi,  l’evento che ha scombinato  la loro esistenza , come un ictus o un’ischemia …quando frustrazione, impotenza e rabbia si traducono in atteggiamenti  depressivi e oppositivi verso  operatori, medici e parenti: un baratro che giorno dopo giorno corrode tutti e tutto, persino la Speranza.

Ecco che allora in fondo al tunnel vedi una lucina…senti una voce che ti solleva con due semplici parole umane: “Non pianga …ci impegneremo ancora di più…ne usciremo fuori, stia tranquilla”.

E l’impegno si traduce in fatti concreti, step progressivi di accoglienza, empatia con il paziente che riprende fiducia …e nel giro di poche settimane il Nemico invisibile perde i suoi artigli e viene confinato in un angolo …, non distrutto, ma”destabilizzato” se non altro! In pochi giorni il paziente assimila comportamenti virtuosi, partecipa, insomma, e collabora da protagonista alla sua personale ripresa, o meglio Recupero. Ecco il prodotto finale, il miracolo che competenze altamente qualificate, quali sono quelle che il centro racchiude, possono operare in un clima disteso e …di dialogo anche con altre strutture simili.

Ad esempio quello con l’equipe di fisioterapisti e logopedisti dell’Ospedale di Reggio Calabria, diretto dal Dott. Pasquale Furfari, permette periodicamente di operare confronti e scambi di esperienze che migliorano i percorsi riabilitativi dei pazienti della struttura ed accrescono la consapevolezza e l’autostima di tutti, medici, infermieri e personale socio- operativo.

Valeria Terranova

 

520902
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top