Cerca
Close this search box.

Modica, eseguita l’autopsia sul 56enne Giovanni Giannone

Tempo di lettura: 2 minuti

E’ stata eseguita l’autopsia che dovrà chiarire le esatte cause della morte del consulente modicano Giovanni Giannone,   56enne, sopravvenuta durante la fase conclusiva di una colonscopia martedì  19 settembre presso l’Ospedale Maggiore “Nino Baglieri”. E’ stato il medico legale Francesco Coco, nominato dalla Procura della Repubblica di Ragusa ad effettuare l’accertamento, alla presenza di un perito di parte, nominato dalla famiglia e del legale dell’Asp di Ragusa. Pare che l’esame autoptico escluda responsabilità da parte dei sanitari del nosocomio di Via Aldo Moro anche se, in ogni caso, saranno le conclusioni del CTU a dare chiarezza a seguito, appunto, dell’esame post mortem.

Nel registro degli indagati sono finiti medici ed infermieri che erano presenti al momento del fatto (si tratta, in effetti, del cosiddetto “atto dovuto” per potere procedere all’autopsia).

Al momento l’ipotesi avanzata dagli stessi medici è che l’uomo sia stato colto da un malore improvviso, un infarto mentre veniva sottoposto all’esame di colonscopia, uno screening nell’ambito di un controllo programmato. Si tratta di una procedura considerata sicura che viene eseguita quotidianamente su moltissime persone per esaminare il colon e l’apparato digerente attraverso un endoscopio.

I funerali si svolgeranno lunedì mattina nel Duomo di San Giorgio, alle 11.

518175
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top