D’Antona (SI): “Sinistra sconfitta a Modica ma…”

Tempo di lettura: 2 minuti

“Prendiamo atto che gli elettori modicani hanno scelto il nuovo Sindaco in Maria Monisteri, garantendole un’ampia maggioranza in Consiglio Comunale, costituita da ventuno consiglieri su ventiquattro, mentre la coalizione progressista, guidata da Ivana Castello si è fermata a tre consiglieri”.  Vito D’Antona di Sinistra Italiana, tra i candidati/sostenitori della Castello, analizza il post Amministrative di fine maggio ammettendo che l’esito elettorale è stato netto e, nel contempo, che  il risultato modicano  si inquadra nello scenario più ampio che in questa tornata elettorale ha visto al voto centinaia di comuni in gran parte dei quali ha prevalso un orientamento di centrodestra.

    “Riteniamo che il costante richiamo alla continuità con l’attività amministrativa della precedente amministrazione comunale, sulla quale abbiamo espresso in questi anni un giudizio negativo, proclamata durante la campagna elettorale dal neo eletto Sindaco,fa dubitare sulla reale possibilità che la nascente amministrazione sia in grado di risolvere nella giusta direzione i problemi della città.

    Alla coalizione progressista, uscita sconfitta dalla competizione, spetta il ruolo di controllo della nuova amministrazione, mediante una rigorosa e puntuale vigilanza, nonché una costante attività propositiva sulle problematiche della città.

    Le forze politiche che hanno contrastato la coalizione vincente hanno il dovere, prima di tutto  nei confronti dei propri elettori, di sviluppare una analisi approfondita sulle ragioni della sconfitta e recuperare un solido rapporto con la gente mediante l’iniziativa politica, la critica e le proposte sui problemi che attanagliano la città, costruendo sin da ora una alternativa da presentare alle prossime elezioni.  

    La città – aggiunge D’Antona – ha bisogno di affrontare i problemi irrisolti del presente ma  anche di programmare il suo futuro: la vivibilità e la sicurezza nei quartieri e nelle campagne, l’assetto urbanistico, il recupero e la rivitalizzazione del centro storico di Modica Bassa e di Modica Alta, il risanamento finanziario, l’assistenza alle fasce più deboli della popolazione, il turismo, il commercio, le opere pubbliche, il traffico, ecc..”.     

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top