Cerca
Close this search box.

Unitre Modica. Presentato “Nnivinagghie” di Gino Armenia

Tempo di lettura: 2 minuti

È stato un pomeriggio particolare quello vissuto a Modica presso la sala del Granaio. L’ Unitre di Modica ha presentato “Nnivinagghie” di Gino Armenia, otto libretti, stampati in tempi diversi, che raccolgono ben 2115 “nnivinagghi” e oggi raggruppati in un elegante cofanetto.
L’incontro promosso dalla sezione di Modica, è stato introdotto da Enzo Cavallo che ha portato il saluto del direttivo e dei soci e si è soffermato sulle future iniziative dell’Associazione. A parlare del lavoro di Armenia, Marcella Burderi che, oltre a soffermarsi sull’importanza e sul grande valore del lavoro certosino dell’autore concretizzato con la raccolta, di “dubbi”, di “indovinelli” e di “nnivinagghie”, ha riletto il Carnevale considerandolo nella sua complessità e ricchezza come festa rifondativa di un periodo dell’anno che insieme alla Pasqua, alla mietitura e al Natale costituisce uno dei capodanno più importanti del ciclo annuale della già Contea di Modica. Una “festa urbana” quella del Carnevale, che si consumava in un tempo e in uno spazio ben precisi e che si declinava seguendo regole ferree, con le sue maschere, le sue giornate, i giochi, i piatti tipici e appunto le “nnivinagghie” indovinelli dall apparente contenuto sconcio si riferivano invece a semplici oggetti di uso quotidiano. “Festa di “panza” e di apparente sregolatezza il Carnevale era però anche uno dei momenti in cui la comunità ritrovava se stessa e riaffermava la propria identità culturale. Una festa che condivideva molto con gli altri momenti dell’anno, basti pensare per esempio al periodo della Mietitura: un canto in particolare, raccolto da Serafino Amabile Guastella, il Canto lella Messe, registra l’invettiva del contadino contro tutte le maestranze e i notabili della città. A ben vedere il contenuto del Canto lo ritroviamo uguale nelle “Parti del Carnevale” che erano le mascherate dei villani. La Burderi ha concluso il suo intervento con la recita, interamente a memoria, del lungo canto.
La serata è stata rallegrata dalla recita di diverse “nnivinagghi” a cura dell’attore Piero Pisana e dai componenti del“laboratorio teatro“ dell’Unitre di Modica, Enza Agosta, Maria Candiano e Piero Basile, a rispondere è stato piacevolmente coinvolto il pubblico presente. A concludere l’autore Gino Armenia ha precisato che le opere presentate sono il frutto di un lavoro di oltre venti anni e del coinvolgimento di tantissime persone che coi loro contributi e con le loro testimonianze hanno arricchito la raccolta .

© Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top