Cerca
Close this search box.

Fisascat Cisl. Personale Gdo: “A Natale non si lavora”

Tempo di lettura: 2 minuti

“A Natale non si lavora”. Ecco perché la Fisascat Cisl Ragusa Siracusa proclama lo stato di agitazione anche nell’area iblea. Almeno per il sindacato il principio è chiaro: “Il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano, dovrebbe essere dedicato alla famiglia”. “È vero che le aperture nei festivi sono consentite dalla legge – chiariscono dalla Fisascat – ma tanto non vuol dire che possa obbligarsi il lavoratore a lavorare financo contro la sua volontà. È un principio di civiltà, non solo giuridica, ribadito da molte sentenze della Cassazione, ma che evidentemente le società della grande distribuzione locale (Merkant, consorziata Ergon, in testa) e il centro commerciale Le Masserie di Ragusa non hanno ben chiaro se ancora obbligano il personale a lavorare anche nei giorni festivi del Natale e nello specifico del 26 dicembre e senza nemmeno ascoltare le loro esigenze o, almeno, coinvolgere i sindacati per concertare protocolli o intese”. “Una mentalità imprenditoriale superata – chiarisce ancora il sindacato – quella che punta sull’apertura “selvaggia” dei punti vendita ormai in tutte le festività, sia civili che religiose. Così, mentre si parla sempre con più convinzione di “welfare” e di politiche aziendali attente ai bisogni dei lavoratori, nel nostro territorio assistiamo ancora a scelte imprenditoriali che continuano a sviluppare e sostenere la cultura di un consumo non sostenibile se non a scapito proprio di quel “welfare”, della conciliazione dei tempi di vita e della socialità, con effetti negativi soprattutto per le categorie più deboli”. La Fisascat Cisl è da sempre contraria alle aperture, non regolamentate, dei negozi per le festività civili e religiose e alle domeniche. “Bisogna necessariamente pensare – concludono il segretario generale della Fisascat Cisl Rg Sr, Teresa Pintacorona, e il segretario territoriale, Salvatore Scannavino – ad un consumo più sostenibile e responsabile, per il bene di tutti. Ci faremo promotori affinché sia attivato un tavolo di concertazione, facendoci parte attiva nel dare proposte costruttive a tutela dei diritti dei lavoratori. Per questo, però, la Fisascat Cisl proclama lo stato di agitazione e quale segnale di apertura all’auspicato dialogo costruttivo, chiede sin da subito alla proprietà del Centro commerciale Le Masserie e alla società Merkant srl a marchio Despar e Ard discount di volere rivedere immediatamente i programmi di apertura dei punti vendita durante le festività”.

497694
© Riproduzione riservata

1 commento su “Fisascat Cisl. Personale Gdo: “A Natale non si lavora””

  1. Tonino Spinello

    Di contro invece la Chiesa con i suoi graduati, vescovi in testa, hanno a cuore il vaccino per la salute dei fedeli-lavoratori e non della salute spirituale. Su questo Mons. La Placa non interviene, Eppure i preti potrebbero essere molto incisivi come lo sono stati con la pandemia e le crisi artificiali, ma siccome dobbiamo fare sistema e assecondare il volere delle multinazionali il comandamendo “Ricordati di santificare le feste” è più redditizio al portafoglio che all’anima.
    I giorni festivi come anche le domeniche dovrebbero essere sacre, sono giorni per riunire le famiglie, gli amici e creare rafforzamenti sociali e spirituali.
    Questo a parte se credenti o meno. Con il globalismo tutto questo è in contrapposizione ai loro progetti, cioè monetizzare ogni singolo minuto della giornata, anche del riposo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top