Ragusa. Giornata mondiale contro l’AIDS promossa dall’Asp

Tempo di lettura: 2 minuti

Il direttore dell’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute, il sacerdote Giorgio Occhipinti questa mattina ha partecipato all’iniziativa di sensibilizzazione promossa dall’Asp di Ragusa all’ospedale Giovanni Paolo II. È stato infatti allestito uno stand informativo nella hall del presidio ospedaliero che ha consentito di fornire informazioni specifiche sull’Hiv. “Dai primi casi documentati in letteratura per la prima volta nel 1981 a oggi – spiega don Occhipinti nello stand con la dottoressa Anna Fama – la ricerca ha fatto passi notevoli. L’aspettativa di vita si è allungata e le attuali strategie terapeutiche permettono di tenere sotto controllo l’infezione. Una persona con Hiv, a quanto dicono i medici specialisti, in trattamento corretto e continuo ha una speranza di vita sovrapponibile o quasi a quella di una persona non contagiata. Quello che ancora manca, però, è una corretta informazione e una consapevolezza diffusa”. La differenza tra Hiv e Aids è rappresentata dal fatto che l’Hiv è il virus. Una volta contratto e quindi una volta entrato nel nostro organismo, se la persona non è consapevole e non ha accesso alle opportune terapie, questo virus in modo silenzioso inizia anno dopo anno a nutrirsi, a mangiare il nostro sistema immunitario. Questo determina un abbassamento del sistema immunitario e un indebolimento dello stesso, che risulta più vulnerabile e più sensibile a contrarre malattie determinate da altri virus o da altri batteri. Questa fase è chiamata Aids, che è il peggioramento clinico determinato dal virus dell’Hiv all’interno del nostro organismo. Ancora in troppi, però, scoprono l’infezione quando è in fase avanzata. Un terzo delle persone che hanno ricevuto una nuova diagnosi, scopre di essere Hiv positivo perché subentrano sintomi o patologie correlate.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI