Stazione bus via Zama a Ragusa, Antoci(M5S): “Condizione ai limiti dell’inverosimile”

Tempo di lettura: 2 minuti

“Le ultime segnalazioni che ci arrivano, anche da parte degli autisti degli autobus extraurbani che hanno come capolinea la stazione bus di via Zama, denunciano una condizione ai limiti dell’inverosimile.”

E’ il consigliere del Movimento 5 Stelle, Alessandro Antoci, a denunciare il degrado del sito, dove abbondano i rifiuti e le condizioni penose delle pensiline.
Dalle foto che vengono allegate al comunicato, il consigliere rileva anche un particolare: si notano i cestini portarifiuti che hanno avuto la sostituzione dei sacchetti con quelli puliti, ma i rifiuti del sito appaiono come abbandonati da settimane.
“Non vorrei che ci fosse il servizio di pulizia dei cestini e mancasse quello di spazzamento dell’area, il che aggraverebbe le mancanze dell’assessorato competente. L’area è di transito di tanti turisti e viaggiatori che restano allibiti per lo stato dei luoghi, dove, peraltro, pare, i servizi igienici sono legati all’orario della biglietteria.”
Conclude il consigliere Antoci: “Non è certo l’unico disservizio in città che viene ignorato dai competenti assessorati, questa è una questione di competenza di sindaco, assessore all’ambiente, e di vicesindaco, assessore ai trasporti, sarebbe opportuno, considerato anche che pare non esistano frizioni fra i due componenti della giunta, che si attivassero, insieme, per restituire il minimo decoro ad un’area che costituisce il biglietto da visita della città per quanti vengono da fuori.”

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI