Leon Tolstoj: alcune curiosità del suo realismo letterario

Tolstoj morì il 20 novembre 1910, venendo sepolto il 22 nella sua fattoria a Yasnaya Polyana, senza alcuna cerimonia religiosa
Tempo di lettura: 2 minuti

Lo scrittore e pensatore russo Lev Nikolaevich Tolstoj, conosciuto in tutto il mondo come Leon Tolstoj, nacque il 9 settembre 1828 in una famiglia della nobiltà russa; tuttavia, nel suo lavoro ha criticato lo stile di vita aristocratico della borghesia zarista e persino prefigurato la fine di quella società. Dopo aver sposato Sofia Behrs, Tolstoj diventò padre di 13 figli e nonno di 31 nipoti. Il suo pronipote Sasha Tolstoi, che vive a Punta del Este, Uruguay, ha sottolineato che tra i 250 e i 300 dei suoi discendenti hanno il cognome Tolstoj, ma si stima che lo scrittore abbia a tutt’oggi circa 500 discendenti diretti. I suoi ideali di “non violenza attiva”, sviluppati in opere come Il regno di Dio è dentro di te, influenzarono profondamente personalità come il Mahatma Gandhi, con il quale corrispondeva e affermava di essere un seguace del suo concetto di resistenza non violenta; e Martin Luther King, diffusore della non violenza nella sua lotta sociale e antirazzista. Di seguito sveliamo alcune curiosità sulla vita e l’opera di questo grande scrittore e pensatore russo.

Tolstoj, rimasto orfano dall’età di nove anni e che confessò di essersi dedicato all’ozio nell’adolescenza, difese allora il criterio secondo cui ogni uomo doveva possedere solo il pezzo di terra che poteva lavorare con le sue mani per sfamare la sua famiglia, e vivere di conseguenza, pieno di amore fraterno per i suoi simili in un mondo utopico senza Stato.

Ha sviluppato una grande capacità per le lingue, poiché oltre al russo parlava correntemente inglese, tedesco, turco, francese e tartaro. Poteva anche esprimersi in latino, ucraino, slavo ecclesiastico, greco e bulgaro. Inizio a studiare l’ebraico antico verso la fine della sua vita per leggere la Bibbia.

Era vegetariano e nel suo libro “Le ultime parole” affermava che dovremmo vivere secondo  la legge di Cristo. Si arruolò anche nell’esercito nello stesso battaglione di suo fratello Nikolai, chiedendo di andare al fronte nel 1853 dopo lo scoppio della guerra di Crimea.

Oltre alla passione per l’equitazione e la caccia, gli scacchi erano una delle sue grandi passioni, cimentandosi quasi quotidianamente con il professore del Conservatorio di Mosca e uno dei suoi migliori amici, M. Goldenveiser.

Al suo ritorno da un tour dei paesi europei, tra cui Francia, Germania e Svizzera, Tolstoj aprì una scuola per bambini contadini nella sua tenuta Yásnaya Poliana, nella regione russa di Tula, in cui permise loro di sedersi per terra, giocare in classe ed esprimere liberamente le proprie idee.

Dopo aver pubblicato nel 1899, Resurrezione, il suo ultimo romanzo, considerato un clamoroso successo e in cui attaccava la chiesa per la sua ipocrisia, Leone Tolstoj fu scomunicato dalla Chiesa ortodossa russa.

Tolstoj parlava appena con sua moglie. Escogitò un perverso sistema di comunicazione basato sulla lettura subdola dei rispettivi diari.

Il 10 novembre 1910, all’età di 82 anni, lasciò la moglie e la casa deciso a terminare i suoi giorni in isolamento volontario. Dieci giorni dopo si ammalò di polmonite in una stazione ferroviaria di Astapovo e morì il 20 novembre, venendo sepolto il 22 nella sua fattoria a Yasnaya Polyana, senza alcuna cerimonia religiosa.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI