Danno erariale. Iacp Ragusa: condannati a risarcire 60mila euro

Tempo di lettura: 2 minuti

La Corte dei Conti per la Regione Sicilia ha condannato gli ex componenti del consiglio di amministrazione dello Istituto Autonomo Case Popolari di Ragusa a risarcire l’ente di circa 60 mila euro.
La vicenda ruota attorno ad un contenzioso nato dopo la nomina per un solo anno del direttore generale Giuseppe Digrandi avvenuta nel 2011. Secondo la legge, la pubblica amministrazione può conferire incarichi dirigenziali per non meno di tre anni. Da qui la richiesta di risarcimento avanza da Digrandi che si è conclusa con il pagamento in suo favore da parte dell’ente di 86 mila euro. Per il procuratore contabile il pagamento della somma al dirigente rappresenta un danno erariale. Da qui la condanna al risarcimento del cda dell’epoca. “Il giudice del lavoro di primo grado, da una parte, .- si legge nella sentenza – ha evidenziato il carattere inderogabile della regola della durata minima triennale degli incarichi dirigenziali e dall’altra parte, ha argomentato in fatto sull’insussistenza di quelle esigenze eccezionali e temporanee eccepite dallo Iacp di Ragusa in sede di difesa processuale, consistenti nell’avvio e conclusione delle procedure per coprire in modo stabile il suddetto posto dirigenziale con un dirigente di ruolo.

Il giudice del lavoro, quindi, ha affermato il carattere imperativo e cogente della norma della legge 165/2001 sulla durata minima triennale degli incarichi dirigenziali, da applicare anche nell’ordinamento regionale siciliano». Sono stati condannati Giovanni Cultrera a risarcire 12 mila e 334 euro, Antonino Blandizzi, 5 mila e 391 euro, Sebastiano Caggia, 6 mila e 934 euro, Giuseppe Castagna, 5 mila e 391 euro, Adriana Lo Monaco, 6 mila e 943 euro, Mario Marino, 5 mila e 391 euro, Salvatore Scala, 5 mila e 391 euro, Giovanni Scudaretti, 12 mila e 334 euro

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI