Ragusa, gli infermieri eroi dimenticati: l’allarme del Nursind

Sulle storture della pandemia
Tempo di lettura: 2 minuti

Gli infermieri eroi dimenticati, esaltati nell’immaginario collettivo e poi abbandonati. Occorre dunque cambiare il linguaggio utilizzato nella sanità e puntare a risolvere i veri problemi del settore. Se n’è discusso ieri a Ragusa in un corso promosso dal Nursind nell’ambito delle iniziative di formazione e confronto nella giornata internazionale dell’infermiere. Presenti tra gli altri il segretario territoriale del Nursind, Giuseppe Savasta e tra i relatori Osvaldo Barba, dirigente sindacale Nursind e autore di un volume che racconta storie e aneddoti dei professionisti durante la pandemia.
“Durante la pandemia – spiegano i relatori – in Italia e nel mondo la cornice retorica attiva è stata di certo quella della guerra, con tutto il suo valore simbolico ed emotivo. L’emergenza Covid-19 è quasi ovunque trattata con un linguaggio bellico: si parla di trincea negli ospedali, di un fronte, di economia di guerra. Ogni sera la Protezione civile dirama un bollettino con il numero dei morti e dei contagiati che aspettiamo col fiato sospeso. Scopo del corso – prosegue Savasta – è stato quello di proporre una “smilitarizzazione” del linguaggio sanitario basato su un’etica della comunicazione. Oggi l’uso della metafora bellica sta creando e alimentando odio e scontri, contribuendo purtroppo a camuffare la reale situazione che c’era e c’è negli ospedali, ovvero la carenza di un piano pandemico, la carenza di dispositivi di sicurezza e di posti letto. Da queste considerazioni il Nursind vuole ripartire per portare avanti le battaglie di sempre al fianco dei pazienti e degli operatori sanitari”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI