Cimitero di Modica: Loculi chiusi, “No a defunti di serie A e serie B”

Tempo di lettura: 2 minuti

L’amministrazione comunale ha deciso di procedere ai lavori di messa in sicurezza delle edicole cimiteriali in danno delle confraternite inadempienti.
“Se si fosse proceduto prima le condizioni degli immobili interessati sarebbero state meno gravi di quelle attuali e quindi gli oneri di intervento, in prima battuta a carico del Comune salva la successiva rivalsa, sarebbero stati sicuramente inferiori.
La nota dolente è data dalla seconda parte della notizia ossia che l’edicola “G. Di Vittorio” sia stata esclusa dal programma degli interventi di messa in sicurezza “in danno – dicono i consiglieri comunali Ivana Castello e Giovanni Spadaro -.
Essendo del tutto anomalo, se non assurdo, che proprio la principale delle edicole fatiscenti (per la quale da tempo, ricordiamo, è inibito l’ingresso ai familiari dei defunti) sia esclusa dal programma di messa in sicurezza chiediamo al sindaco di fornire adeguanti chiarimenti al riguardo auspicando di ricevere assicurazioni circa la infondatezza della notizia dell’esclusione della “Di Vittorio”.
Nella temuta ipotesi che si tratti di una notizia vera – concludono i due esponenti dell’opposizione -, chiediamo al Sindaco di spiegare sulla base di quale normativa, nell’ambito di un programma di messa in sicurezza di immobili che ricadono nel demanio comunale, si stia procedendo a una distinzione tra defunti di serie A e defunti di serie B peraltro destinati a retrocedere a ulteriori categorie inferiori”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI