Fondi Pnrr Rigenerazione Urbana. Incontro con i Comuni iblei

Tempo di lettura: 2 minuti

“Questa mattina abbiamo avuto un incontro online con i referenti dei comuni di Acate, Giarratana, Chiaramonte Gulfi, Monterosso Almo e Santa Croce Camerina che hanno risposto all’invito rivolto nei giorni scorsi a quei Comuni iblei che lo scorso anno non avevano usufruito dei fondi dedicati alla Rigenarazione Urbana. La riunione era finalizzata a promuovere la partecipazione di questi enti al nuovo bando 2022 per la Rigenerazione Urbana di cui è imminente la pubblicazione e per il quale sono state già stanziate le risorse in Legge di Bilancio, nell’ottica dell’applicazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”. E’ quanto dichiarano in una nota la presidente della Commissione Affari Sociali della Camera, Marialucia Lorefice (m5s) e la Dott.ssa Natalia Carpanzano, esperta in progettazione europea per gli Enti Pubblici, promotrici dell’iniziativa, le quali spiegano:

“Grazie ai fondi del PNRR, da qui al 2026, si apriranno straordinarie opportunità di finanziamento per i Comuni del nostro territorio, che non possiamo lasciarci assolutamente sfuggire. Vogliamo che le amministrazioni comunali riescano nell’obiettivo di intercettare l’enorme mole di contributi che nei prossimi mesi verrà concessa, pertanto, durante l’incontro di oggi ci siamo messe a disposizione degli enti per offrire informazioni e, se necessario e qualora lo reputino opportuno, una consulenza specifica volta a coadiuvare gli uffici tecnici comunali, nella realizzazione delle proposte progettuali.

La nostra iniziativa non ha un colore politico, – precisano nella nota Lorefice e Carpanzano – ma ha l’unico scopo di supportare i Comuni nella valorizzazione del nostro territorio e al contempo di creare opportunità di lavoro per aziende e professionisti.

Durante l’incontro abbiamo trattato, in particolare, il bando per la Rigenerazione Urbana che mette a disposizione, sia dei Comuni con meno di 15.000 abitanti sia dei Comuni che non hanno usufruito dei fondi stanziati nel 2021, 300 milioni di euro per tre tipi di intervento: manutenzione per il riuso e rifunzionalizzazione di aree pubbliche e di strutture edilizie esistenti pubbliche per finalità di interesse pubblico; miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale, anche mediante interventi di ristrutturazione edilizia di immobili pubblici, con particolare riferimento allo sviluppo dei servizi sociali e culturali, educativi e didattici, ovvero alla promozione delle attività culturali e sportive; mobilità sostenibile. Secondo quanto disposto dalla Legge di Bilancio il bando si chiuderà il 31 marzo prossimo.

Abbiamo, inoltre, riferito dell’opportunità di partecipazione al bando aperto dal Ministero dell’Interno per la messa in sicurezza degli edifici pubblici e dei territori, al quale si potrà presentare domanda entro il prossimo 15 febbraio.

Un altro aspetto, infine, che abbiamo voluto sottolineare riguarda l’opportunità per i Comuni di assumere professionisti ed esperti in deroga alle regole sul contenimento delle spese nel pubblico impiego per l’attuazione dei progetti del PNRR.

E’ stato un incontro molto stimolante al quale potranno seguire altri momenti di confronto per lavorare insieme nell’esclusivo interesse dei territori e dei nostri cittadini” concludono.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI