Asp Ragusa. Nuova edizione percorso antiviolenza Codice Rosa

Tempo di lettura: 2 minuti

L’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa ha avviato, sin dal 2014, nei Pronto Soccorso degli Ospedali, un percorso di accoglienza riservato a tutte le vittime di violenza e che vivono in situazioni di vulnerabilità, denominato “Codice Rosa”.

A distanza di anni – con l’entrata in vigore della Legge 19 luglio 2019, n. 69 – denominata “Codice Rosso” – si è resa necessaria una revisione del documento al fine di differenziare alcuni percorsi assistenziali. In particolare, vista l’ampia diffusione del fenomeno, è stata elaborata una nuova procedura che descrive il percorso per l’accoglienza, la presa in carico e la gestione della donna vittima di tutte le forme di violenza che giunge nei Pronto Soccorso dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa. In tale sede la donna trova competenza e professionalità sul piano sia clinico che medico-legale. La nuova procedura prevede precise indicazioni circa l’attivazione anche dei successivi percorsi territoriali nell’ottica di un continuum assistenziale e di globale presa in carico della vittima. Il percorso opera in sinergia con Enti, Forze dell’Ordine, Centri Antiviolenza e Associazioni in linea con le direttive nazionali e internazionali, con un approccio integrato al fine di offrire una risposta tempestiva e qualificata ai bisogni della donna.

Inoltre, l’emergenza determinata dalla diffusione della SARS CoV-2 ha portato a una diminuzione di protezione a disposizione delle donne vittime di abusi, l’ASP ha pensato – ed elaborato – nuove strategie per garantire alle vittime protezione e cure adeguate anche in tempi di pandemia utilizzando brochure informative a disposizioni dei cittadini.

La responsabilità della procedura e della relativa applicazione delle attività contenute nel documento, secondo i profili di responsabilità, è in capo ai direttori e i professionisti delle Unità Operative coinvolte.

La nuova stesura del documento favorisce il riconoscimento precoce dei casi di violenza assicurando efficaci percorsi dedicati e omogeneità di intervento sull’intero territorio provinciale.

Del gruppo di lavoro che ha provveduto al riesame e alla revisione del documento fanno parte i dottori Biagio Aprile, referente aziendale, Teresa Barrano,  Concetta Brugaletta,  Giovanni Cavallo,  Fabrizio Comisi, Giovanna Miceli e  Giovanni Ruta.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI