Confcooperative Ragusa sui trent’anni della legge 381 del 1991

"Le coop sociali si prendono cura del 12% della popolazione locale"
Tempo di lettura: 2 minuti

Anche la sede territoriale di Ragusa di Confcooperative Sicilia celebra, in questi giorni, i trent’anni dall’entrata in vigore della legge 381/1991 che ha introdotto nel nostro ordinamento la disciplina delle cooperative sociali. “Cooperative che, pure nel nostro ambito provinciale – chiarisce il presidente di Confcooperative Ragusa, Gianni Gulino – si prendono cura del 12% della popolazione, rappresentando di fatto la spina dorsale del welfare locale. Sono state portatrici di un nuovo paradigma culturale ed economico ed è grazie a questo percorso se con le cooperative sociali il welfare si è fatto impresa, puntando soprattutto su donne e giovani”.
Gulino volge lo sguardo oltre e sottolinea che, con il Pnrr, adesso, “sarà possibile vivere un momento cruciale, probabilmente fondante, di una rinnovata politica di welfare incentrata sui servizi sociali territoriali e sulla sua programmazione di medio periodo. Chiediamo agli enti locali presenti nella nostra area di investire di più sui servizi sociali territoriali riducendo fortemente i trasferimenti monetari e rafforzando i servizi, assicurando diritti esigibili e quindi strutturando livelli essenziali”.
Confcooperative ha voluto celebrare non tanto una ricorrenza quanto la necessità di testimoniare un ruolo e valore della cooperazione sociale nel presente, ma soprattutto per proiettarla e ancorarla saldamente nel futuro. Qualche numero? Il 57% degli addetti nelle cooperative sociali è anche socio della cooperativa in cui presta lavoro. Il 43% delle cooperative sociali attive è a guida femminile. Una cooperativa sociale su 5 ha un presidente under 40. E, ancora, una cooperativa sociale su 4 è attiva da più di 20 anni. Inoltre, nel 2020 il 61% di queste cooperative ha formato il personale su tematiche legate all’innovazione. Il 79% ha effettuato investimenti connessi all’aggiornamento, sostituzione, integrazione dei dispositivi informatici. Il 32% ha investito nella sicurezza informatica, il 24% in sistemi gestionali evoluti. Il 17% ha promosso investimenti nel digital marketing. Nel 2020, inoltre, più di 7 cooperative sociali su 10 hanno intrapreso almeno un’iniziativa riconducibile ad alcune delle principali tematiche dello sviluppo sostenibile. Infine, il 10% ha scelto di promuovere l’eco-innovazione e di investire in tecnologie rispettose dell’ambiente. “Numeri che dicono molto – conclude Gulino – ed ecco perché sosteniamo che non può esserci una transizione sostenibile e giusta senza una cooperazione sociale forte e capace di innovarsi. Noi siamo pronti a fare la nostra parte”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI