Pozzallo. Evacuato peschereccio con migranti incagliato al Porto

Tempo di lettura: 2 minuti

Sono 430 i migranti evacuati dal peschereccio rimasto incagliato tra le secche del porto di Pozzallo, martedì pomeriggio. La scorsa notte tutte le persone a bordo del natante sono state trasbordate a terra. Il peschereccio ormai vuoto, a Pozzallo, è ancora incagliato ed è stato fino ad ora controllato a vista dai soccorritori a cui si era aggiunto anche il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco. Un primo rimorchiatore del porto ne aveva trasferiti in banchina 63 (13 minori) dopo che la Cp 325 della guardia costiera aveva ininterrottamente provveduto con grande perizia a caricare a bordo piccoli gruppi di migranti per trasferirli su «rimorchiatori appoggio».

Gli ultimi viaggi in banchina sono stati effettuati dalla Nos Aries (imbarcazione a supporto della piattaforma Vega) e da un altro piccolo rimorchiatore. Incubo finito. Tutte le imbarcazioni di stanza a Pozzallo hanno collaborato all’evento. In banchina oltre al Prefetto Giuseppe Ranieri anche il questore Giusi Agnello, il manager dell’Asp di Ragusa, Angelo Aliquò, il comandante provinciale della Guardia di Finanza,  iorgio Salerno e della capitaneria di porto, Donato Zito. Il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna dopo una prima ricognizione sul posto ha celermente organizzato l’accoglienza al campo sportivo di Pozzallo, nella palestra annessa per tutti i migranti che vi verranno trasferiti. Operativi per i soccorsi oltre a Usmaf, Croce Rossa, la Misericordia di Modica, l’Asp di Ragusa e Protezione civile regionale e comunale

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI