Ragusa. Operative stazioni di raccolta di olii vegetali esausti

Tempo di lettura: 2 minuti

L’olio esausto se smaltito in modo sbagliato, ad esempio versandolo nel lavandino, può danneggiare le tubature e trasformarsi in un potente inquinante. Un un solo litro d’olio vegetale infatti può inquinare un milione di litri d’acqua, formando una patina in superficie che altera i normali equilibri dell’ habitat marino.
“Per porre un rimedio a tale problema e garantire un servizio richiesto da diversi cittadini – rende noto il sindaco di Ragusa Peppe Cassì – il sistema di raccolta dei rifiuti ha fatto un altro passo avanti con l’istallazione di almeno 20 contenitori urbani per la raccolta di olio esausto vegetale e l’installazione di almeno 4 contenitori da 200 litri nei Centri di Raccolta. L’olio va versato in qualsiasi tipo di contenitore (bottiglie di plastica, di vetro, bidoncini) e poi inserito nelle stazioni di raccolta che saranno svuotate da apposito personale.”

Le stazioni di raccolta già installate si trovano nei seguenti punti:
Via Ettore Fieramosca (Eurospar);
Via Quintino Cataudella (Alta Sfera);
Via G. La Pira (Interspar Le Dune);
Via Achille Grandi (Ard Discount);
Via G. Ottaviano (Parcheggio Ragusa Ibla);
Via Sergente Scribano Giuseppe (Ragusa Ibla);
Viale Delle Americhe (Piazzetta pizzeria La Giara);
Via Gagini (Piazzetta zona Mercato);
Via Caboto (Eurospar Marina di Ragusa);
Via Genova (Delegazione Comunale Marina di Ragusa);
Centro di Raccolta di zona Artigianale;
Centro di Raccolta di Marina di Ragusa.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI