Fondi ex Insicem. Ispica, ottimo lavoro dell’amministrazione

Tempo di lettura: 2 minuti

L’amministrazione comunale di Ispica,, grazie al lavoro dell’assessore Pippo Barone, ha lavorato molto bene per sfruttare al meglio i fondi ex Insicem riuscendo a superare le aspettative di assegnazione con 133 aziende ammesse al contributo.

Sono state complessivamente 156 le istanze pervenute al Comune di Ispica per la richiesta di assegnazione dei fondi ex Insicem assegnati dal Libero Consorzio Comunale di Ragusa,  alle imprese colpite dalla crisi da Covid.

Le istanze ammesse sono state  133,  per complessivi 313.405.,98 euro, importo superiore rispetto alla somma assegnata al Comune di Ispica da parte del Libero Consorzio di Ragusa pari a 241.187,49 euro.

Al fine di poter dare risposta a tutte le imprese ammesse, così come la Giunta Comunale aveva deliberato iil 29 marzo 2013 con atto n. 47, si è applicata la distribuzione più equa, cioè quella proporzionale.

E’ stato un lavoro lungo e laborioso da parte dei dipendenti comunali dell’ufficio commercio e del Capo settore Gem. Vincenzo Terranova. L’iter,  monitorato costantemente dal Sindaco Innocenzo Leontini e dall’assessore al ramo Pippo Barone, ha raggiunto l’obiettivo previsto dall’Amministrazione Comunale, grazie anche al coinvolgimento delle associazioni di categoria e dei commercialisti delle imprese.

“Quando politica, imprese, associazioni di categorie e professionisti lavorano insieme per il bene comune  -sottolinea Barone – i risultati arrivano. Un bel lavoro di squadra”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI