Aggressione operatori Pronto Soccorso Vittoria. Atto indegno

Tempo di lettura: 2 minuti

A seguito dell’aggressione ai danni di alcuni operatori sanitari all’ospedale Guzzardi di Vittoria, verificatasi nella notte di ieri, la Commissione straordinaria esprime il suo sdegno per quanto accaduto.
“E’ un atto inqualificabile e indegno che mina la sicurezza del personale sanitario del pronto soccorso e la loro salute. Non è accettabile subire violenze di questo tipo a fronte di sforzi incommensurabili che vengono svolti quotidianamente nell’espletamento delle delicate mansioni a cui sono chiamati. Svolgere la propria attività lavorativa in un clima fatto di aggressioni psicologiche e violenze fisiche è intollerabile, impedisce il diritto alla salute di tutta la collettività”. Questo il commento della Commissione straordinaria.
Il Commissario straordinario Filippo Dispenza ha chiesto un presidio delle forze dell’ordine al pronto soccorso o in alternativa, l’attivazione di un servizio di vigilanza privata per la sicurezza degli operatori. “Al personale sanitario va tutta la nostra solidarietà per quanto accaduto. Qui ci sono in gioco le regole del vivere civile e della democrazia ed è intollerabile ch e questi soggetti possano muoversi impunemente nel territorio. L’auspicio è quello di potere vedere attivate tutte quelle misure di sicurezza che permettano loro di potere adempiere alle proprie mansioni con la protezione massima. Per il bene loro e di tutta la comunità vittoriese che ha bisogno dell’espletamento di tali servizi”, ha concluso Dispenza.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI