Casi di contagi nel personale dipendente. Ebt Ragusa chiarisce

Tempo di lettura: 2 minuti

Casi di contagio da Covid-19 del personale dipendente. L’Ente bilaterale del terziario di Ragusa chiarisce alle imprese e ai lavoratori del comparto dell’area iblea in che modo procedere. “L’Inail – sottolineano dal consiglio direttivo dell’Ebt – fornisce indicazioni in merito alle modalità di conferma diagnostica dell’infezione da Covid-19, sulla durata del periodo di inabilità temporanea assoluta negli infortuni da Covid e sui criteri medico-legali da adottare per il riconoscimento del nesso causale e la definizione della presunzione semplice nelle infezioni. Con la prima raccomandazione, la numero 5/2020, l’Inail chiarisce due aspetti generali relativi alla durata periodo di inabilità temporanea assoluta a fronte del contagio da Covid. La seconda raccomandazione, la numero 8/2020, chiarisce i criteri con cui il medico attesta la malattia in ipotesi di rischio elevato di contagio, per esempio a causa delle caratteristiche dell’attività svolta. In particolare, l’istituto precisa che qualsiasi documentazione medica, compresa quella rilasciata ai fini della malattia comune Inps, può essere ritenuta utile ai fini certificativi di infortunio”.
Per il rientro al lavoro, in caso di infortunio da Covid-19, a prescindere dalla scomparsa dei sintomi, saranno sempre necessari due tamponi molecolari negativi non essendo sufficiente, per le caratteristiche specifiche del virus, la sola guarigione clinica. “In merito all’applicazione della presunzione semplice per i casi di malattia-infortunio da Covid-19 – prosegue ancora l’Ebt – l’Inail precisa che, per i lavoratori esposti a elevato rischio di contagio, si applica il principio della presunzione semplice, a meno di prova contraria, fatti salvi i casi in cui, nonostante l’appartenenza alla categoria ad elevato rischio professionale, l’istruttoria medico-legale, nella fattispecie concreta e secondo determinati principi richiamati nel documento in esame, non permette di integrare il nesso causale. È il caso, ad esempio, dell’operatore sanitario il quale non ha prestato l’attività lavorativa in presenza, ovvero della prova di un contagio intrafamiliare che, per tempi e modalità di insorgenza dell’infezione, rappresenta il reale momento infettante”. Per ulteriori informazioni è possibile contattare gli uffici dell’Ebt Ragusa in via Roma 212 al numero telefonico 0932.622522 oppure consultare il sito internet www.ebiteragusa.com.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI