D’Asta(PD) e le anomalie della piscina comunale di Ragusa

Tempo di lettura: 2 minuti

Il consigliere comunale Mario D’Asta torna a battere sul tasto riguardante la piscina pubblica di contrada Selvaggio dopo avere appreso altri particolari sulle scelte gestionali dell’impianto portate avanti dalla Giunta municipale. “A quanto ci risulta – afferma D’Asta che sulla questione ha presentato una interrogazione urgente – sarebbero stati effettuati dei sopralluoghi nel mese di maggio rilevando l’esistenza di una problematica alla sala tecnica. Problematica che, sulla scorta di informazioni che abbiamo raccolto, si sarebbe potuta risolvere nel giro di una settimana. Non si comprende, dunque, la ragione per cui questo intervento a maggio non è stato predisposto. Di fatto, a settembre, le società sportive operanti nell’impianto non hanno potuto iniziare a svolgere la propria attività, non hanno potuto effettuare le iscrizioni, non hanno potuto calibrare la propria ripartenza dopo un anno e mezzo di blocco. Tutto è rimasto fermo. Alle società non è stato neppure permesso di fare segreteria, circostanza che ha avuto un effetto devastante nei confronti degli associati, molti dei quali si sono allontanati. Inoltre, un danno assoluto anche per la squadra agonistica che sarà chiamata a sostenere a breve i primi impegni ufficiali e che non si è potuta allenare neppure una volta in acqua”.
D’Asta chiarisce che la vasca si sarebbe potuta avviare tranquillamente a settembre “mentre – aggiunge – da maggio a ora si sono persi cinque mesi. Inoltre, considerati i disagi idrici che la città sta tuttora patendo, non si comprende come mai si sia deciso di svuotare la vasca, facendo disperdere qualcosa come mille metri cubi del prezioso liquido. Non solo: adesso, stante l’attuale situazione di emergenza, diventerà difficile riempire di nuovo la vasca. La scelta di svuotarla ci dicono che, dal punto di vista tecnico, è sbagliata visto che le vasche in cemento, a fronte di tutto ciò, finiscono piano piano per lesionarsi. Vorremmo, dunque, comprendere che cosa è accaduto. E qual è la logica dell’iter che l’Amministrazione sta portando avanti, si fa per dire, rispetto alla necessità di rendere nuovamente fruibile la piscina”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI