Pd Ragusa richiama Cassì al senso di responsabilità nei consigli comunali

Tempo di lettura: 2 minuti

“Partecipando, nell’ultima riunione del Consiglio comunale di Ragusa, alla seduta sugli atti di indirizzo e sugli ordini del giorno, il Pd ha riscoperto come la maggioranza sia compatta al momento di bocciare atti utili per la città”. E’ quanto sottolinea il capogruppo Mario Chiavola il quale chiarisce che “suona come una beffa questo atteggiamento, soprattutto dopo che il sindaco ha fatto un appello richiamando al senso di responsabilità i consiglieri assenti per la votazione di atti urbanistici importanti. Strano che – continua l’esponente dem – l’abbia fatto soltanto ora. Ma non se n’è accorto che per la variante del caso Pagoda ci sono volute quattro sedute e circa tre mesi per esitare il punto, tra l’altro in maniera non favorevole? Ben vengano, quindi, le raccomandazioni del sindaco, soprattutto se all’atto della bocciatura sono tutti compatti. Così come è accaduto con la bocciatura dell’atto di indirizzo riguardante l’illuminazione pubblica alternativa nelle zone rurali antropizzate (al contrario, invece, di quello che accade in tutti i Comuni a noi vicini) con 13 no e sei voti favorevoli; o con la bocciatura, 13 no e sei sì, concernente l’atto di indirizzo relativo al centro storico al fine di attivare un tavolo di confronto con i commercianti per il recupero delle zone antiche della città; per non parlare dell’altro atto di indirizzo concernente la realizzazione di una piscina comunale suppletiva a Marina di Ragusa con tensostruttura geodetica per favorirne l’utilizzo anche in periodo invernale e aggregare potenziali fruitori dai centri vicini (Santa Croce, Scicli): anche in questo caso una bocciatura firmata dalla maggioranza, anche se con 11 no. Significa che due della maggioranza si sono astenuti. Inoltre, sono stati bocciati l’atto di indirizzo (12 no, 4 sì e 1 astenuto) sull’importanza viabilistica di via padre Giovanni Tumino che, di fatto, è come se fosse stata privatizzata, a uso e consumo di pochi a scapito delle esigenze di molti quando, invece, si potrebbe riaprire, anche a senso unico, sino allo stradale per Chiaramonte; e poi la bocciatura (13 no, 4 sì) dell’atto sull’incremento della pubblica illuminazione e della videosorveglianza in quelle aree del territorio comunale in cui si registra la presenza consistente di rifiuti abbandonati. Speriamo per loro che questo disegno politico di dire no a tutti i costi agli atti presentati dalla minoranza possa essere premiato dai cittadini. Lo vedremo tra un anno e mezzo. Noi lo riteniamo politicamente un errore anche perché contrario al buonsenso e al benessere della cittadinanza. E tutto ciò nonostante due-tre teste pensanti, che votano per proprie convinzioni e non per rispondere ai diktat del sindaco, in seno alla maggioranza che, ogni tanto, si astengono, soprattutto quando capiscono che determinati atti di indirizzo andrebbero assolutamente a vantaggio della collettività”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI