Territorio Ragusa. Le chiacchiere stanno a zero, serve più decoro in città

Tempo di lettura: 2 minuti

Nel corso di una delle consuete riunioni dell’esecutivo di segreteria di Territorio Ragusa, i partecipanti hanno avuto modo di leggere un resoconto, appena pubblicato, della seduta di consiglio comunale.
Ne è scaturito un ampio e articolato dibattito sulla situazione in città relativamente alla gestione amministrativa dell’attuale sindaco e della giunta.
Sintetizza tutto in una nota il Presidente dell’esecutivo di segreteria di Territorio, Michele Tasca, che mette in risalto la necessità di venire incontro, senza esitazioni, alle necessità primarie della città e alle esigenze della collettività.
“Il Sindaco è maestro nell’esaltare tutto quanto di positivo emerge dall’attuale gestione amministrativa, bravo nell’evidenziare le classifiche che vedono Ragusa migliorare, mentre ha taciuto quando la città si è ritrovata in fondo ad altre classifiche.
Legittima la soddisfazione per le percentuali di differenziata, per le percentuali di vaccinazioni, per i cospicui finanziamenti per opere pubbliche, legittimo esaltarsi per i servizi sociali o per il lavoro dell’ufficio tecnico, ma sono settori che, da sempre, hanno marciato svincolati dalle pur positive influenze del sindaco di turno.
Apparentemente un quadro di grande respiro per la città, ma se si guarda alle mille criticità segnalate da esponenti di partito e semplici cittadini, ci si accorge che la città è avvolta in una bolla artificiale di perfezione nella gestione della cosa pubblica che, invece rivela grosse lacune nell’azione amministrativa.
Crisi idrica irrisolta, lentezza dei lavori per le opere pubbliche, urbanistica ignorata e ferma da anni, incapacità di attenuare il fenomeno dell’abbandono incontrollato di rifiuti, progetti che si rivelano impossibili per i pochi fondi stanziati, manutenzioni necessarie negli impianti sportivi, gestione approssimativa degli eventi e della loro promozione. Tentativi di ‘svegliare’ la via Roma che incontrano molte critiche della gente, mostre e fiere poco promozionate, ricondotte a eventi esclusivamente locali, manifestazioni e iniziative che si esauriscono nel corso della stessa serata, senza echi mediatici adeguati alla città e alle sue politiche culturali e di promozione.
Spesso sembra che l’evento serva solo per far passare una serata alle famiglie, senza strategie di lungo corso per una immagine da creare e da mantenere nel tempo. Tutti eventi estemporanei che non fanno parte di politiche organiche e programmatiche.”
Aggiunge il Presidente dell’esecutivo di segreteria di Territorio:
“A questa situazione di fondo si aggiunge una condizione della città dove la mancanza di decoro comincia a dilagare, una situazione ormai insostenibile, per la quale sono indifferibili interventi decisi.
Ci riferiamo all’abbandono di diverse aree, tutte molto frequentate, soprattutto da forestieri, visitatori, turisti. Una situazione sfuggita di mano che rischia di diventare incontrollabile.
Condizioni inconcepibili, frutto di mancati interventi, spesso semplici e poco costosi, che forniscono una brutta immagine della città.
Ci eravamo occupati nelle settimane scorse della indegna condizione dell’arteria di ingresso della città, da contrada Castiglione alla rotatoria del bivio per Chiaramonte Gulfi, con i cigli stradali invasi da erbacce e sterpaglie e da rifiuti di ogni tipo. Non ci sembra che l’amministrazione si sia mossa per alleviare questo grave disagio, lesivo del priomo impatto che i forestieri hanno con Ragusa
Ma altre zone di ingresso sono nel più totale abbandono: le aiuole spartitraffico degli svincoli di Bruscè della 514 si presentano in condizioni indicibili.
Chi prosegue per l’ospedale trova le strade e i marciapiedi coronati da erbacce di ogni, anche la elegante zona residenziale di via Ramelli, ancorché nuova e pulita, è invasa da erbacce e sterpaglie che non vengono eliminate.
Ma anche in pieno centro la situazione è sconfortante: nell’area del City, in via Natalelli, nelle adiacenze di uno degli alberghi più noti della città, condizioni inenarrabili, fiorire rotte e non sostituite, vegetazione spontanea incontrollata, segnali che in certe zone non passa nessuno, da mesi, né per eliminare rifiuti, né per spazzare, né per eliminare vegetazione spontanea.”
“Potremmo continuare – conclude Tasca – con decine di altre segnalazioni, documentate da fotografie, che ci inviano numerosi cittadini, il sindaco si esalta per i meriti della sua città, ma la città esige risposte per tutto, non si vive solo di classifiche.”

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI