Confcommercio Ragusa. Indagine Bankitalia sui consumi da aprile a oggi

Tempo di lettura: 2 minuti

Nella quinta edizione dell’indagine di Bankitalia sulle famiglie italiane dopo lo scoppio della pandemia da Covid-19, condotta a partire dalla fine dello scorso aprile, i risultati restano terrificanti sul piano dei consumi. “I comportamenti di consumo restano condizionati dall’emergenza sanitaria – è scritto nel report – ed è ancora elevata (circa 80% come nella rilevazione precedente) la quota di famiglie che dichiarano di aver ridotto le spese per servizi di alberghi, bar e ristoranti e di aver fatto meno frequentemente acquisti in negozi di abbigliamento rispetto al periodo precedente la pandemia. Sette famiglie su dieci riportano una minore spesa per i servizi di cura della persona. La contrazione interessa anche i nuclei che arrivano con facilità alla fine del mese, per i quali pesano soprattutto le misure di contenimento ancora in vigore al momento dell’intervista e la paura del contagio”. Quanto al futuro, “le intenzioni di consumo si confermano nel complesso caute”.
Dallo studio, per quel che riguarda la provincia di Ragusa, emerge così che più di due famiglie su tre avrebbero mantenuto invariate le spese per beni non durevoli e servizi nei successivi tre mesi, mentre un quarto le avrebbe ridotte. E il calo dei consumi avrebbe riguardato per di più, anche parte di coloro che si aspettano un incremento di reddito nel 2021. “Nelle valutazioni delle famiglie – conclude Bankitalia – le aspettative di consumo dipendono anche dal successo della campagna vaccinale, che per un terzo dei nuclei in aprile stava procedendo meglio o in linea rispetto alle attese”. “I dati diffusi da Bankitalia – sottolinea il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti – confermano che la ristorazione è stato tra i settori più colpiti dagli effetti della pandemia e dalle misure restrittive. Ora l’estate ha fatto segnare un primo, deciso, balzo in avanti con i ricavi del settore in crescita. Se il quadro sanitario evolverà positivamente, con il progredire della campagna vaccinale non solo a livello nazionale ma anche internazionale, l’obiettivo di riportare la ristorazione ai livelli di fatturato dell’estate 2019 sarà a portata di mano ma solo nel 2023. A determinare un ulteriore ritardo nel ritorno dei fatturati del comparto ai livelli preCovid è anche la lenta ripresa del turismo internazionale”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI