Emergenza educativa a Vittoria. La denuncia di Mugnas (Reset)

Tempo di lettura: 2 minuti

“Ho letto con molta attenzione e con altrettanto rammarico la denuncia pubblica del coordinatore antibullismo dell’Asp di Ragusa, Giuseppe Raffa, a proposito dell’emergenza educativa che insiste tra le vie Bixio, Milano, Favore e Firenze a Vittoria dove, a causa della presenza di una baby gang, si registrano episodi penalizzanti nei confronti dei più deboli, coetanei e anziani. Fanno esplodere mortaretti e petardi e non hanno rispetto per niente e per nessuno. Una vera e propria emergenza educativa, tra l’altro in uno dei cuori della nostra città, che non si può sottacere e che, anzi, deve spingere a richiedere l’intervento delle varie agenzie educative operanti sul territorio affinché si possa contenere il fenomeno da un lato e dall’altro cercare di risolverlo”. E’ quanto afferma il segretario dell’associazione Reset Vittoria, Alessandro Mugnas, il quale chiarisce che “si tratta, naturalmente, di una situazione delicata che investe prima di tutto la sfera genitoriale. E’ materia che deve essere necessariamente approfondita – aggiunge Mugnas – ma è fin troppo evidente che da qualche parte si deve cominciare, intanto prendendo atto di quello che è un problema non da poco, un serio problema, anche per l’età preadolescenziale di questi potenziali bulli. La Vittoria che dobbiamo immaginarci per il futuro deve essere una città che non deve più lasciare spazio a situazioni di questo tipo ma che, piuttosto, deve essere tollerante con tutti. Altrimenti non ne usciamo più. E sarà come il cane che si morde la coda. Un circuito vizioso. E da genitore non posso non esprimere tutto il mio rammarico perché è il fallimento di tutto un tessuto sociale che ci riguarda nel complessivo e da cui non possiamo esimerci rispetto alla necessità di avviare percorsi risolutivi. Siamo veramente in difficoltà ed è opportuno che dalle analisi, adesso, si passi agli interventi concreti. Del resto, chi, sin da piccolo, è abituato a mancare di rispetto, è evidente che, molto probabilmente, proseguirà lungo questo percorso anche da grande con tutte le conseguenze che ciò potrà comportare. Insomma, una situazione che è destinata ad essere monitorata con la massima attenzione”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI