Confcommercio Ragusa. Mercato occupazionale condizionato da pandemia

“In provincia di Ragusa i dati di luglio 2021 potrebbero risultare normali se non mancassero all’appello, rispetto al febbraio 2020, qualcosa come 3.000-3.500 posti di lavoro
Tempo di lettura: 2 minuti

“Se non si dovesse tener conto di tutto quello che c’era prima del marzo 2020, i dati Istat sul mercato del lavoro di luglio 2021 risulterebbero piuttosto normali anche per la provincia di Ragusa, con una tendenza alla stabilità dell’andamento di occupati, disoccupati e inattivi. Anzi, guardando al dato trimestrale di maggio-luglio e confrontandolo con il precedente si nota anche un deciso aumento del livello di occupazione (+0,8%)”.
E’ quanto afferma il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, che aggiunge: “Il problema però, come sottolinea proprio l’Istat, è che rispetto ai dati del febbraio 2020, quindi prima dell’arrivo della pandemia, mancano all’appello qualcosa come, almeno per quanto riguarda l’area iblea, 3.000-3.500 posti di lavoro e il 65% tra questi solo nei nostri settori di riferimento”. Luglio 2021 registra, rispetto al mese precedente, una diminuzione nel numero di occupati e di disoccupati e una crescita in quello degli inattivi. Il calo dell’occupazione (-0,2%), osservato per uomini e donne, riguarda solo gli autonomi e le classi d’età maggiori di 35 anni. La diminuzione del numero di persone in cerca di lavoro (-1,2% rispetto a giugno) si concentra prevalentemente tra gli uomini e i giovani di 15-24 anni. Il tasso di disoccupazione scende al 12,4% e tra i giovani al 32,5%. Tra giugno e luglio cresce il numero di inattivi tra i 15 e i 64 anni (+0,5%); l’aumento coinvolge i soli uomini e tutte le classi d’età ad eccezione dei 25-34enni. Il tasso di inattività sale al 35,5%. Confrontando il trimestre maggio-luglio 2021 con il precedente (febbraio-aprile), il livello dell’occupazione è più elevato dello 0,8%, con un aumento di 50 unità. La crescita dell’occupazione, nel confronto trimestrale, si associa alla diminuzione delle persone in cerca di occupazione e a quella degli inattivi tra i 15 e i 64 anni. “Dai dati elaborati – chiarisce Manenti – emerge che proprio la mancata ripresa di questa parte del mercato del lavoro, quella cioè degli indipendenti e autonomi che, in provincia, hanno visto ridurre la loro presenza di circa il 20% in un anno, limita le possibilità di recupero della base occupazionale complessiva. Possibilità di ripresa che continuano ad essere limitate da livelli di attività contenuti per molte delle piccole e medie imprese, soprattutto nel settore dei servizi. Basti pensare che, nonostante il recupero, nel secondo trimestre, per le attività dei servizi di alloggio e ristorazione il fatturato, al netto dei fattori stagionali, è ancora inferiore di oltre il 46% rispetto allo stesso periodo del 2019″.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI