Ideal Liberale. Vittoriesi si autotassano per riparare le buche

Tempo di lettura: 2 minuti

“Una sconfitta. Per tutti noi. Per le istituzioni e per chi queste ultime intende rappresentare. Quando i cittadini, ormai stanchi di aspettare, decidono di sostituirsi al Comune, per concretizzare dei servizi che l’ente locale dovrebbe garantire, significa che siamo arrivati a un punto di non ritorno. Una sconfitta, appunto”. E’ l’amaro commento che arriva dal presidente di Idea Liberale Vittoria, Giuseppe Scuderi, dopo avere appreso che alcuni residenti del quartiere C33 Nord, lungo la strada comunale Marangio, nella cosiddetta zona Gurrieri, hanno deciso di autotassarsi per eliminare tutte le buche che costellavano l’arteria di comunicazione che conduce alle loro abitazioni, buche che spesso hanno causato problemi alle auto per non parlare dei pericoli alle moto. “Più volte – chiarisce Scuderi – ho segnalato alla Commissione straordinaria di intervenire in alcune zone della periferia cittadina dove maggiore risulta essere la presenza di asfalto ammalorato. Ma le varie richieste sono rimaste lettera morta. Ora si apprende che alcuni cittadini hanno deciso di fare da loro. Per questo sono senz’altro da ammirare. Ma è chiaro che non può essere questa la soluzione. Non devono essere i cittadini di tasca loro a pagare il materiale necessario e il bobcat per ripavimentare la sede stradale. E in più a sostituirsi gli operai. E’ un modo di fare che rischia di deresponsabilizzare le istituzioni. No, così non va per niente bene”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI