Ragusa. Il Sindaco Cassì su emendamento Camera di commercio

Tempo di lettura: 2 minuti

“Assistiamo in questi giorni – afferma il primo cittadino di Ragusa Peppe Cassì – ad un fatto nuovo che riguarda le Camere di Commercio della Sicilia ed in particolare, per quanto ci riguarda, la Camera di Commercio del Sud Est Sicilia, alla quale, dopo un travagliato dibattito, nel 2017 è stata accorpata anche la prestigiosa Camera di Commercio ragusana. Percorso quest’ultimo che, per quanto non condivisibile, tuttavia fu caratterizzato da una partecipazione ampia che coinvolse i territori, le loro espressioni politiche e le associazioni di rappresentanza delle imprese, anticipando peraltro di alcuni mesi le nuove disposizioni di legge che imponevano una riduzione del numero degli enti camerali.
Un emendamento approvato in Commissione Parlamentare all’interno del decreto “Sostegni bis” mette però in discussione gli accorpamenti già avvenuti in Sicilia delle Camere di Palermo e di Enna, delle Camere di Catania, di Ragusa e di Siracusa, e di quello in itinere tra le Camere di Agrigento, Caltanissetta e Trapani, con un nuovo possibile scenario in cui le ex Camere di Commercio di Ragusa e Siracusa verrebbero scorporate dalla Camera di Commercio di Catania per unirsi alle Camere di Agrigento, Caltanissetta e Trapani. Il risultato sarebbe quindi una rete disomogenea per identità territoriale ed affinità economiche, difficilmente collegata sotto il profilo della viabilità e probabilmente economicamente non sostenibile.
Se la legge di riforma delle Camere di Commercio non limitasse a sessanta il numero totale delle Camere di Commercio in Italia, sarebbe invece auspicabile un percorso che riporti le Camere ad una identità territoriale di carattere provinciale, proprio per ridare ad ogni territorio ed al sistema delle sue imprese un riferimento vicino, consapevole ed efficace. Tuttavia, allo stato attuale, sarebbe ancora più disastroso se gli interessi del tessuto imprenditoriale della provincia di Ragusa venissero sganciati dalla Camera di Commercio del Sud Est Sicilia non per costituire una nuova Camera di Commercio di Ragusa ma per convergere in un’unica grande Camera costituita da cinque province con storie, tradizioni e caratteristiche economiche del tutto differenti.
Quale il vantaggio reale per le imprese della provincia di Ragusa?
Auspico, pertanto, che si apra con forza un dibattito democratico sull’emendamento approvato che, prescindendo da politiche di quartiere, serva a ridare dignità ai territori e garanzia agli stessi di un sistema camerale che operi per lo sviluppo economico della comunità e per la crescita delle sue imprese”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI