Ust Cisl Rg/Sr. Fermare l’esodo di giovani e professionisti verso il Settentrione

Carasi (Cisl): "Nel 2019 ben 226 persone hanno lasciato l'area iblea"
Tempo di lettura: 2 minuti

“Duecentoventisei persone, tra giovani, studenti, lavoratori e professionisti della provincia di Ragusa, hanno lasciato la propria casa, il proprio territorio, nel 2019 per cercare fortuna altrove, più propriamente nelle zone del Settentrione (il 56%) ma anche in Paesi europei (il 38%) e nel resto del mondo (la parte rimanente della percentuale, il 6%). E anche nell’anno della pandemia, il 2020, registriamo l’abbandono del territorio ibleo da parte di 42 persone. Siamo certi che nel 2021 questo trend, considerata la campagna delle vaccinazioni a regime e l’attenuarsi della presenza del Covid, nonché il graduale abbandono della pratica dello smart working, sia destinato ulteriormente a salire. Bisogna assolutamente fermare questo esodo”.
E’ quanto afferma la segretaria generale dell’Ust Cisl Ragusa Siracusa, Vera Carasi, esprimendo la propria preoccupazione per la consistenza di un fenomeno che, al netto del calo registratosi durante l’anno della pandemia, ha comunque fatto registrare numeri davvero notevoli in passato. “Secondo la Cisl – chiarisce Carasi – fermare l’esodo deve essere uno degli obiettivi dell’attuazione del Pnrr e per questo occorre ora realizzare un patto forte con le istituzioni e le imprese per condividere i progetti di sviluppo, monitorare i tempi e le ricadute occupazionali”.
Carasi aggiunge: “La fuga dei giovani è una ferita che impoverisce due volte il nostro territorio, privandolo delle migliori promesse, ma anche delle risorse economiche che per anni vengono trasferite dalle famiglie. Una perdita stimata, solo per la provincia di Ragusa, in circa 700-800mila euro l’anno. I temi della crescita, del lavoro, dell’istruzione, della legalità si intrecciano in modo inestricabile soprattutto nel Sud dove l’assenza di sviluppo e di occupazione condiziona ogni articolazione della vita sociale. La risposta decisiva è il lavoro. Dobbiamo metterci tutti assieme, fare sistema per affrancare le persone dalla paura e dal bisogno. Occorre combattere le disparità sociali e territoriali. E, ancora, realizzare infrastrutture materiali, digitali e sociali. Nonché controllare il buon utilizzo di ogni euro erogato, seguendone passaggi e traiettorie. L’obiettivo del patto che chiediamo è soltanto uno: creare buona occupazione, soprattutto giovanile e femminile. Che vuol dire nuove politiche industriali. Fiscalità di vantaggio. Contrasto del precariato e di ogni forma di sfruttamento. E poi protezioni sociali universali, con ammortizzatori sociali rivolti a tutti e collegati a politiche attive e generative che forniscano formazione e riqualificazione”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI