Vittoria. Arrestato 59enne per associazione mafiosa ed estorsione

Tempo di lettura: 2 minuti

Il personale della Squadra Mobile di Ragusa e del Commissariato di P.S. di Vittoria ha dato esecuzione all’Ordine di Esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Catania, in conseguenza dell’inammissibilità del ricorso sancita dalla Suprema Corte di Cassazione, nei confronti di un 59enne dovendo il medesimo espiare la pena di a11 anni, un mese e 10 giorni di reclusione, per associazione mafiosa ed estorsione continuata in concorso.
La Suprema Corte respingendo il ricorso formulato dai legali dell’arrestato ha confermato la condanna emessa nel contesto del Giudizio Abbreviato dal GUP del Tribunale di Catania in data 04.12.2018. Le investigazioni che hanno dato origine alla condanna erano state coordinate dalla Procura della Repubblica – DDA – di Catania ed effettuate da questa Squadra Mobile e dall’Arma dei Carabinieri, in un arco temporale compreso tra il 2009 ed il 2017 ed avevano permesso al GUP del Tribunale di Catania, di emettere, in esito a richiesta formulata da quella Procura, ordinanze di custodia cautelare in carcere (eseguite in data 15.09.2017 nell’ambito dell’ “Operazione Survivors), nei confronti di 15 soggetti (tra i quali il59enne) responsabili, a vario titolo, dei delitti di associazione per delinquere di tipo mafioso finalizzata alle estorsioni, riguardo ad
alcuni dei quali le fasi dibattimentali afferenti il rito ordinario presso il Tribunale di Ragusa sono in corso.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI