Ulteriore cassa integrazione Covid per imprese terziario iblee

Ebt Ragusa. L'autorizzazione arriva dall'Inps
Tempo di lettura: 2 minuti

L’Inps autorizzerà ulteriore cassa integrazione Covid nel rispetto della normativa vigente in tema di limiti di spesa e monitoraggio prospettico. E’ quanto comunica alle imprese iblee del terziario l’Ebt di Ragusa facendo riferimento all’informativa diffusa dall’istituto previdenziale in cui si evidenza che, insieme al Mef, è stata definita tecnicamente la norma approvata in Consiglio dei ministri nei giorni scorsi. “Attraverso l’utilizzo di risparmi da D.l. 137/2020 e la rimodulazione di alcune voci di spesa relative alle integrazioni salariali – spiegano dal direttivo dell’Ente bilaterale del terziario di Ragusa – viene garantita la copertura da 7,3 a 8 miliardi e l’Inps potrà prendere in considerazione le domande di Cig tenendo conto del tiraggio della spesa sull’autorizzato 2020. Si proseguirà dunque senza difficoltà nel processo di autorizzazione, sospeso solo per alcuni giorni per superare i vincoli di legge. Motivo per cui si attendono i tempi tecnici che consentiranno di sbloccare la precedente fase di impasse. E’ una buona notizia per molte delle nostre imprese e dei nostri lavoratori che attendevano ragguagli in proposito e che adesso possono sperare in ulteriori sostegni dopo che la fase dell’emergenza sanitaria ha colpito duro non risparmiando molti tra di loro”. Per ulteriori informazioni è possibile contattare gli uffici dell’Ebt Ragusa in via Roma 212 al numero telefonico 0932.622522.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI