Crisi irreversibile della Chiesa…l’opinione di Rita Faletti

Tempo di lettura: 2 minuti

Ordine e caos convivono in un continuo divenire che prepara il passaggio da una fase alla successiva. Nel mezzo, un periodo di transizione che aiuta a capire la direzione del cambiamento. Evoluzione o regressione? La Chiesa sta vivendo la sua fase di transizione, iniziata nel 2013 con il pontificato di Bergoglio. Allora fu subito evidente che il Papa argentino si sarebbe impegnato a rompere con la tradizione e trasformare la Chiesa. Grandi aspettative nel mondo del laicismo e del progressismo di sinistra, che non aveva apprezzato la posizione definita conservatrice di Papa Ratzinger, neanche la Chiesa fosse un partito politico. Si voleva e si auspicava, anche tra gli innovatori del clero, una svolta che tenesse in considerazione le richieste e le esigenze della società. Il tratto famigliare di Papa Francesco e il suo amore per i poveri affascinarono credenti e politici di tutto il mondo, che lo citavano ogni qualvolta si rendeva necessaria una iniezione di popolarità. Persino Donald Trump, che voleva innalzare muri, fece visita al Papa che li voleva abbattere. Oggi però, la rivoluzione bergogliana annunciata e acclamata è a un punto morto, la Chiesa è senza voce, il clero allo sbando e i fedeli cattolici, che nel mondo sono numerosi benché in calo, disorientati e smarriti. Su Repubblica, Melloni parla di “tempesta imminente” per la Chiesa. Era tutto scritto.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI