Bolivia. Il governo persegue Jeanine Áñez e l’ex Lenin Moreno

Tempo di lettura: 2 minuti

Le autorità boliviane intendono rivolgersi agli organismi internazionali per quello che considerano un crimine contro l’umanità e avviare un processo politico contro l’ex presidente dell’Ecuador, Lenín Moreno, per quattro reati che sarebbero derivati ​​dalla ricezione di gas lacrimogeni e munizioni durante la gestione del governo di Jeanine Áñez, utilizzati per reprimere le proteste della popolazione in varie località del Paese sudamericano prima delle elezioni del 2019. Funzionari boliviani del governo di Luis Arce, intendono adire alla Corte interamericana dei diritti umani (IACHR) e la Corte internazionale di giustizia (ICJ) per quello che considerano un crimine contro l’umanità, crimine transnazionale, corruzione e traffico di armi. Secondo il ministro della Giustizia ecuadoriano, Ivan Lima, questo caso non può rimanere impunito in quanto esiste il fondato sospetto che le armi siano state usate dalla polizia durante le rappresaglie prima delle elezioni a Huayllani . Materiale bellico che sarebbe arrivato dal Brasile e dalla Colombia, e poi trasferito in Bolivia affinché le forze dell’ordine potessero utilizzarlo per reprimere le proteste di piazza. “Il caso deve essere indagato dal governo dell’Ecuador e perseguito penalmente. La responsabilità di Jeanine Áñez e Lenin Moreno non può rimanere impunita”, ha ribadito il ministro di Giustizia Ivan Lima.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI