Colombia. Assassinati tre importanti leader comunisti.

Tempo di lettura: 2 minuti

Un gruppo di uomini armati ha assassinato sul far della sera il leader comunista Danilo Galindo e il figlio 23enne. Galindo era un funzionario dell’ufficio del sindaco di Fortul nel dipartimento di Arauca. Galindo difendeva i diritti delle popolazioni indigene in qualità conciliatore sociale di equità. L’agguato mortale è avvenuto nei pressi della cittadina di La Esmeralda. I corpi dei due malcapitati sono stati trovati a 3 chilometri di distanza l’uno dall’altro, il che fa supporre che prima di essere ammazzati siano stati torturati. Stessa sorte e nello stesso giorno è toccata all’ingresso del Comune di Corinto alla dirigente comunista  Nasa Argenis Yatacue, intercettata e assassinata insieme al suo compagno Marcelino Ipia. Secondo le informazioni fornite dall’Istituto sviluppo e studi sulla pace, gli omicidi di difensori dei diritti civili sarebbero finora 70 dall’inizio dell’anno. Tuttavia, la Colombia continua ad essere sommersa da giornate di scontri e violenze a causa della repressione delle proteste da parte del governo Duque, principalmente a Bogotà e Cali.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI