Risse a Scoglitti, il Pd: “Tolleranza zero e rispetto regole”

Non è più possibile andare avanti in questo modo"
Tempo di lettura: 2 minuti

Il Pd chiede al Comune di Vittoria e alle istituzioni tolleranza zero su Scoglitti. “Non è più ammissibile una situazione del genere – sottolinea il segretario cittadino, Giuseppe Nicastro – ogni sabato una rissa. Addirittura, in quest’ultimo fine settimana ce ne sarebbero state ben quattro. Assurdo. I cittadini di Scoglitti non ne possono più. Chiediamo che coloro che vengono qui solo per creare problemi siano allontanati, espulsi dal territorio. A Scoglitti spazio soltanto per la gente perbene. Si tutelino i residenti, le attività commerciali, i proprietari dei locali, i villeggianti e tutti coloro che intendono trascorrere qualche giorno di spensieratezza. Dove c’è movida, serve sicurezza”. Il Pd sollecita, dunque, la Commissione straordinaria a un giro di vite sul fronte dei controlli durante il fine settimana. “Necessario, anche – continua Nicastro – un potenziamento del piano di videosorveglianza, soprattutto su piazza Cavour, dove questi gravi problemi si sono verificati proprio di recente”. Inoltre, pur apprezzando il lavoro svolto dalle forze dell’ordine, i democratici chiedono il potenziamento degli organici. “Svolgono sempre una notevole attività – sottolinea Nicastro – ma hanno bisogno di essere aumentate, c’è carenza di unità. La maggiore sicurezza è un bene comune e riguarda tutti, italiani e cittadini stranieri. Le regole sono da rispettare e valgono per tutti”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI