Guardia medica Ibla. Comibleo scrive ad Asp e Sindaco di Ragusa

Questione divenuta non differibile
Tempo di lettura: 2 minuti

Il Comibleo ha trasmesso una nota al direttore generale dell’Asp 7, Angelo Aliquò, e al sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì, avente a oggetto la richiesta di istituzione del servizio di guardia medica a Ragusa Ibla. Richiesta che il comitato aveva già sollevato nelle scorse settimane e che, adesso, però, è stata formalizzata con uno specifico documento. “Nella certezza – è scritto nella nota – che, quanto prima, si ritorni alla normalità della vita sociale con l’apertura in sicurezza dell’università, di tutte le attività economiche e delle strutture turistiche, si ripropone il problema della mancanza del servizio di guardia medica a Ragusa Ibla soppresso inverosimilmente più di un decennio fa. La situazione si è ulteriormente aggravata a seguito dell’apertura del nuovo ospedale Giovanni Paolo II che dista ben 12 km da Ibla e non come prima ad appena 2 km. E per raggiungerlo occorre attraversare le arterie più densamente trafficate di Ragusa. La soppressione di tale servizio, infatti, penalizza fortemente oltre agli abitanti di Ibla, patrimonio Unesco, centinaia di studenti universitari della facoltà di lingue e letterature straniere che risiedono a Ibla, gli ospiti del centro di accoglienza per extracomunitari e, durante la stagione estiva, oltre 600 ospiti delle varie strutture ricettive, migliaia di visitatori e turisti attratti dall’eccezionale patrimonio artistico e dalle numerose manifestazioni culturali e religiose che si svolgono a Ibla, essendo chiamato il servizio di guardia medica ad assicurare l’assistenza sanitaria di base anche ai non residenti che non possono rivolgersi al proprio medico di famiglia”.
“Questo comitato – è scritto ancora nella nota – ritiene pertanto indifferibile disporre il ripristino del servizio di Guardia medica a Ibla che eviterebbe di rivolgersi al Pronto soccorso per lievi malori e garantirebbe immediata assistenza sanitaria ai pazienti anche in caso di patologie con carattere di urgenza. Con l’occasione, si portano a conoscenza manager Asp e sindaco del problema riguardante la mancanza di accessibilità delle ambulanze in dotazione al 118 in numerose strade del centro storico di Ibla e di Ragusa centro, a causa della ristrettezza delle vie. Sarebbe opportuno dotare la postazione del Servizio 118 di Ragusa Ibla di ambulanza di soccorso per emergenze speciali previste dalla direttiva Dps VI / Es-B / 415 – 1999 del ministero della Salute, con un mezzo, quindi, in grado di raggiungere le modeste vie del centro storico”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI