Ragusa, uccise la madre. Condanna confermata in secondo grado

Tempo di lettura: 2 minuti

 La 3^ Sezione Penale della Corte d’Assise d’Appello di Catania (presieduta da  Elisabetta Messina) ha confermato la condanna di primo grado nei confronti del cinquantenne ragusano  Carmelo Chessari, accusato dell’omicidio della madre Santa Trovato, commesso a Ragusa nella notte tra il 20 e 21 aprile del 2019. Mantenuta, dunque, la condanna  dello scorso mese di settembre a sei anni e otto mesi di reclusione.

La donna di 79 anni fu aggredita dal figlio dopo che lo aveva lasciato fuori nel balcone. Le indagini furono condotte dai carabinieri.  Santa Trovato  il giorno successivo all’aggressione, fu trasportata in coma all’ospedale e successivamente al  “Cannizzaro”, dove fu operata per un’emorragia conseguenza dei traumi. Morì nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale “Garibaldi” di Catania, l’11 maggio 2019, senza aver mai ripreso conoscenza.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI