Ordinanza Vittoria. Confesercenti chiede intervento del Prefetto

Tempo di lettura: 2 minuti

La Confesercenti Provinciale di Ragusa in riferimento all’ordinanza n. 34 del 07 Maggio 2021, emanata dalla Commissione straordinaria del comune di Vittoria, chiede l’intervento del Prefetto, al fine di valutarne la regolarità e la correttezza.
“Noi di Confesercenti – dice il direttore Massimo Giudice – siamo stati messi a conoscenza di tale ordinanza solo via email e ad ordinanza emanata. Riteniamo sia doveroso da parte dei commissari prefettizi prima di tale ordinanza e/o ordinanze simili, che toccano il comparto dello Sviluppo Economico del territorio, confrontarsi con le associazioni di categoria. Ribadiamo che non c’è stato nessun confronto e chiediamo se tale prassi sia corretta”.
“Credo – continua Giudice – che obbiettivo comune sia quello di far abbassare il numero dei positivi e dei contagi, ma non credo che tale formula sia corretta. Oggi sembra che il comparto dei pubblici esercizi sia il portatore di Covid ma sappiamo che non è così. Rammento che il settore della ristorazione da marzo del 2020 ad oggi ha tenuto aperto i propri locali solo per 6 mesi e che da novembre sono chiusi, però i positivi aumentano. Non è che dovremmo andare a verificare altrove? Il dramma oggi sono gli assembramenti incontrollati e quei positivi, come riportano vari quotidiani, che vanno in giro, pur essendo in quarantena. Non mi scandalizza l’apertura di un locale – conclude il direttore di Confesercenti- ma mi scandalizza che ad oggi diverse persone non si sono mai fatte un tampone anti Covid. I Commissari prefettizi dovrebbero permettere l’apertura dei pubblici esercizi e l’ingresso a tutti coloro che abbiano fatto un tampone entro le 48 ore e a chi si è vaccinato. Solo così l’economia potrà ripartire, altrimenti a breve dopo i funerali delle vittime covid, assisteremo ai funerali delle partite iva”.
“Chiediamo -dice Luigi Marchi, presidente provinciale di Confesercenti – un incontro urgente al Prefetto di Ragusa, Filippina Cocuzza, perché continuando così l’economia di un intero comparto, quello della ristorazione, non si risolleverà più”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI