Covid: aumentano i positivi in provincia, preoccupa Ragusa

Tempo di lettura: 2 minuti

La situazione epidemiologica in provincia di Ragusa si aggrava di giorno in giorno registrando un’impennata di nuovi positivi. Il dato del report sugli indicatori territoriali della diffusione del Covid-19 segnala un netto aumento dei casi nell’ultima settimana, che vede protagonisti sopratutto le città di Ragusa e Vittoria. I casi sono in crescita pure a Modica e Comiso ma scendono a Scicli dove negli ultimi giorni è stata riscontrata una leggera flessione. A destare maggiore preoccupazione è la città di Ragusa che si avvia verso le 400 unità positive e mantiene ancora il triste primato di prima città in provincia per numero di positività ma nel resto del territorio ibleo la curva è in calo.

I dati dei soggetti positivi a Scicli è di 119 (-11 rispetto a ieri), Acate 17 (-1), Chiaramonte 5 (-1), Comiso 179 (+5), Giarratana 11 (-), Ispica 19 (-), Modica 126 (+5), Monterosso 4 (+1), Pozzallo 50 (+4), Ragusa 371 (+20), Santa Croce 48 (+1), Vittoria 238 (+6). Le persone positive sono 1260 (ieri erano 1230) di cui 1187 in isolamento domiciliare, 57 ricoverate e 16 nella Rsa di Ragusa.

Al Giovanni Paolo II di Ragusa ci sono 28 persone ricoverate in Malattie infettive (di cui 2 fuori provincia); 15 in area grigia (di cui uno da fuori provincia) e 10 in Terapia intensiva. Al Guzzardi di Vittoria, 4 i ricoveri in area Covid. Si procede intanto con le vaccinazioni dei soggetti cosiddetti «fragili».

Dall’inizio della pandemia i guariti sono 8856 mentre i decessi 236.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI