Si celebrano i 63 anni dell’Anffas..di Nele Vernuccio

Tempo di lettura: 2 minuti

Le persone con disabilità sin dalla nascita hanno i dovuti sostegni pratici ed economici anche se non sempre è stato così.

Se cinquant’anni fa nascevi con disabilità, soprattutto intellettiva, eri emarginato dalla società, la famiglia doveva sobbarcarsi autonomamente tutti i problemi annessi. Comprendiamo bene che quando si ha un deficit intellettivo la gestione non è facile.

Per questo motivo il 28 marzo 1958 un gruppo di genitori con figli affetti da grave deficit intellettivo fondò l’Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, comunemente denominata Anffas.

Da quel 28 marzo 1958, sono iniziate un’infinità di battaglie che hanno permesso a questi Ragazzi il totale inserimento e integrazione nella società.

Vengono istituiti dei centri ove questi Ragazzi possono trascorrere le loro giornate. È doveroso ricordare che prima della nascita di questa Associazione, i soggetti con queste problematiche venivano ricoverati nei manicomi psichiatrici perché le famiglie non riuscivano a gestire autonomamente queste annose problematiche. Nei manicomi venivano zittiti e storditi con le scosse elettriche.

Vennero creati i primi centri di riabilitazione ove cercavano di far progredire e migliorare questi Ragazzi. L’Anffas riuscì a far istituire nelle scuole italiane la figura dell’insegnante di sostegno, in modo da poter integrare questi Ragazzi nel sistema scolastico italiano. Da quel momento è stato possibile affermare che quei giovani erano completamente integrati nella società. Una grandissima conquista e vittoria considerato, appunto, che sino al 1958 erano completamente “abbandonati”.

Nella mia città, Modica, l’Anffas è molto radicata e attiva, in particolare l’iniziativa che apprezzo molto è “L’orto sociale” che permette ai Ragazzi che ne fanno parte di poter praticare l’orticoltura. Non avendo disabilità fisiche ma intellettive, possono praticarla tranquillamente e sentirsi “utili” per la società. Sappiamo bene quanto è salutare e benefico il contatto con la natura.

 

Nele Vernuccio

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI