Aggiudicati lavori per nuova pista ciclabile a Marina di Ragusa

Nel tratto Piazza Malta – Lungomare Andrea Doria - Via Cavaliere M. Calabrese
Tempo di lettura: 2 minuti

E’stato approvato l’esito delle operazioni di gara relative alla procedura negoziata per l’appalto dei lavori di realizzazione della pista ciclabile a Marina di Ragusa – tratto Piazza Malta – Lungomare Andrea Doria – Via Cavaliere M. Calabrese.
Con lo stesso provvedimento è stata quindi dichiarata aggiudicataria dell’opera pubblica l’impresa CO.VIR. Srl di Cesarò (ME), per il prezzo di euro 764.122,57 compresi gli oneri di sicurezza non soggetti a ribasso pari ad euro 21.100,00, al netto del ribasso offerto del 28,134% sul prezzo a base di gara di euro 1.055.000,00 comprensivo di oneri di sicurezza.

“La nuova pista ciclabile di Marina di Ragusa che questa Amministrazione comunale ha programmato e che realizzeremo – dichiara l’assessore ai lavori pubblici Gianni Giuffrida – si aggiunge a quella esistente relativamente al tratto Scalo Trapanese – Casuzze. La pista, si estenderà per circa 2,4 Km, iniziando da Piazza Malta, percorrerà tutto il Lungomare Andrea Doria, a fianco del marciapiede lato mare, attraverserà l’area a verde pubblico attrezzato e proseguirà lungo tutta via Cavaliere Calabrese fermandosi nella zona della preriserva dell’Irminio. Si tratta di un intervento che ci consente di estendere il tracciato ciclabile presente a Marina molto apprezzato dalla cittadinanza e dai tanti turisti sempre più attratti dalla bellezza della nostra fascia costiera”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI